Utente 465XXX
Gentile Dottore,
le scrivo per conto di mio padre, il quale lavornado è rimasto vittima di una scheggia metallica che gli si è conficcata nella parte superiore del braccio dx.
Si è recato al pronto soccorso dove gli hanno eseguito una radiografia, gli è stato detto di aspettare per vedere se la scheggia fuoriesce da sola, prescrivendogli per ora solo un ciclo di antinfiammatori.

La mia domanda è: ma esiste la remota possibilità che questa scehggia si possa muovere e causare danni?
Abbiamo notato negli ultimi gg che la parte interessata risulta piu dura al tatto, è normale?

Grazie a quanti mi vorranno rispondere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signore
un ocrpo estraneo nell'organismo, se superficiale, viene "espulso" poichè genera un processo infiammatorio reattivo da parte dell'organismo.
Il movimento che effettua quindi è contrario a quello di ingresso.
In caso contrario ed in presenza di infezione è sempre possibile una asportazione chirurgica.

Cordiali saluti