Utente 399XXX
Gentile dottore
Sono un ragazzo di 26 anni ed è da qualche mese ormai che sono preso dall'ansia.. Tutto è iniziato una sera dopo la palestra dove mi sono sentito svenire e subito dopo sono giunti i tremori tachicardia e confusione con intorpidimento alle mani e senso di svenimento senza però perdita di coscienza, sono andato al pronto soccorso che ormai la crisi era passata ECG nella norma esami del sangue pure e anche la pressione risultava nella norma. I casi si sono ripetuti più volte quindi ho svolto Ulteriori esami:
ecografia addominale nella norma gastroscopia nella norma tiroide nella norma..la pressione durante il giorno è di 135massima 85minima 70/80 battiti, alla sera scende a 120mqssima 65minima 50/60battiti.. Ultimamente però continuo a percepire dei tuffi al cuore come se mancassero dei battiti o comunque più leggeri e subito dopo uno normale e i battiti non sono regolari sono aritmici, nessun dolore..
Vorrei tanto capire se tutta questa storia è frutto della mia ansia (ovvero causata da attacchi di panico) oppure le mie paure sono fondate..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Lei ha fatto accertamenti abbastanza accurati da permettere di escludere problemi clinici,

I "tuffi" al cuore sono probabilmente extrasistoli. Che sono fenomeni molto comuni, anche in cuori perfettamente sani. Moltissime persone neanche se ne accorgono, ma quando si entra in uno stato di "allerta" perché si è avuto un problema clinico, o perché in tensione, è possibile avvertirle più frequentemente.

Se le extrasistoli sono frequenti, potrebbe fare un ECG di 24 ore (Holter) per inquadrarle meglio.
[#2] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per la risposta tempestiva e professionale!
Ho solo un'altra domanda da porle:
È normale che durante queste crisi la pressione aumenti a 160massima 100minima? e battiti ovviamente molto alti..
A breve dovrò fare un EEG e una risonanza mi consiglia comunque di fare un holter?
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Mi scusi, ma i disturbi che riferisce adesso sono diversi!
Aveva parlato di "tuffi al cuore come se mancassero dei battiti o comunque più leggeri e subito dopo uno normale e i battiti non sono regolari sono aritmici,", che corrisponde a extrasistoli isolate (un battito anomalo seguito da uno normale).

Adesso parla di ipertensione e "battiti ovviamente molto alti": intede battiti a frequenza elevata, cioè tachicarda?

Le due cose sono ben diverse.

Tachicardia e ipertensione assieme suggeriscono un aumento della secrezione di adrenalina, come può avvenire in condizioni di stress.

Dice che le hanno fatto un' ecografia addominale; immagino che fosse nel sospetto che le scariche di adrenalina dipendessero da un problema surrenale (iperplasia o un feocromocitoma, tumore benigno che produce catecolamine: adrenalina e noradremnalina) e che questa ipotesi sia quindi stata esclusa.

Dunque: un conto sono le extrasistoli, un conto è la tachicardia sinusale con ipertensione da stress.
[#4] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Mi scusi forse mi sono espresso male..
Il problema è proprio questo, mi capitano entrambe le cose sia le extrasistoli quando sono a riposo..
Sia la tachicardia con ipertensione improvvisi si manifestano apparentemente senza logica..
[#5] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Allora va bene fare comunque l' Holter, e anche un Holter pressorio, per edere come varia la pressione nell' arco delle 24 ore.

Per la tachicardia con ipertensione, se non è collegata a stati emotivi particolari, l' altro esame da fare (sempre per escludere un feocromocitoma, che è una cosa a cui si deve pensare, ma che è RARISSIMO) è il dosaggio delle catecolamine e dei loro metaboliti nelle urine delle 24 ore.

Ma -ripeto- mi pare che chi le ha prescritto gli esami fatti finora abbia fatto già le ipotesi corrette.
[#6] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Buongiorno,
Ho effettuato sia risonanza che elettroencefalogramma e tutto risulta nella norma.
Il mio dottore curante mi ha negato altri esami ( che ne ho fatti a sufficienza), il problema è che non riesco a togliermi dalla mente che sia un problema cardiaco!
Per esempio, è normale che subito dopo questi cosiddetti "attacchi di panico" abbia anche una abbondante e ripetitiva puliria?
P.s. Sto seguendo un percorso con uno psicologo ma le cose al momento non sembrano migliorare..
Grazie e cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Concordo col suo curante: esami ne ha fatti a suvfficienza e poer togliersi dalla mente che sia un problema cardiaco deve semplicemente fidarsi del fatto che il dubbio è già stato fugato.

La poliuria è frequentissima dopo una tachicardia.
[#8] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Gentile dot.ssa
Ho eseguito un holter 24 ore:

Ritmo sinusale per tutta la durata con conservata escursione circadiana.
Alcune fasi di tachicardia sinusale e altri di aritmia sinusale.
Conduzione atrio ventricolare nella norma.
Non pause significative.
Rara ectopia sopra ventricolare.
Rara ectopia ventricolare non precoce.
Non significative alterazioni della ripolarizzazione ventricolare.

Peccato che la sera stessa dopo aver tolto l'holter ho avuto tutta sera la sensazione di battiti mancanti con mal di stomaco e scariche.
Poi ho eseguito un ecocardio colordoppler che non ha evidenziato alcun problema!
Al momento che finalmente credevo di essermi messo l'anima in pace (quindi non ero in un particolare stato di agitazione) sento il cuore che mi batte in maniera strana poi tachicardia con qualche dolore al petto, vertigini, vista offuscata, poi una sensazione di morte imminente che ho cercato di gestire.. Tempo 5/10 min è passato tutto..
Quello che volevo chiederle è: possibile che sia così sfortunato da avere una qualche malattia così difficile da individuare?
Oppure è tutta una questione psicologica alla quale non riesco a sfuggire?
Grazie
[#9] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
"Quello che volevo chiederle è: possibile che sia così sfortunato da avere una qualche malattia così difficile da individuare?
Oppure è tutta una questione psicologica alla quale non riesco a sfuggire?"

Buona l'ultima. L' holter ha rilevato che il suo cuore tende a battere velocemente, ma è un ritmo suinusale FISIOLOGICO,

Quindi, se continua ad avere dubbi nonostante tutti gli esami e le rassicurazioni, evidentemente è una questione psicologica.