Utente 342XXX
Buongiorno sono andato a ritirare le analisi i miei livelli di prolattina sono scesi sotto la soglia minima dopo 22 giorni di bromocriptina la mia prolattina è a 0.7 su un valore di riferimento 2.6 13.2. Volevo sapere se il calo di desiderio ed erezione dovuto proprio acquisto e quali sono le tempistiche per far risalire i valori visto che ho finito il ciclo di bromocriptina grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

avendo a disposizione praticamente nessuna valutazione clinica precisa, poco le possiamo dire sui tempi in cui lei avrà valori entro la norma; questo lo deve chiedere in diretta al suo andrologo od endocrinologo di riferimento.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate sul tema "calo del desiderio", le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/226-desiderio-sessuale-fare-viene-mancare.html

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Le spiego praticamente sono un culturista ho usato per un lungo periodo del deca Durabolin questo fa sì ma portato un incremento mento della prolattina e sicuramente il problema è nato dal fatto che il deca e progesterinico, quindi l'andrologo dopo attenti esami mi ha fatto fare una cura di bromocriptina valori sono scesi oltre la soglia minima e ho notato calo di desiderio eiaculazione precoce ho staccato la terapia e la bromocriptina ora mi chiedevo i tempi fisiologici per far stabilizzare la prolattina?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

in questi casi, oltre alla sua storia clinica, si devono valutare attentamente tutte le indagini ematochimiche (ormonali e quant'altro) fatte prima, durante e dopo terapia e soprattutto diventa fondamentale, anche in queste situazione cliniche iatrogene, valutare sempre in diretta ed attentamente la sua reale situazione.

Risenta quindi ora in diretta il suo andrologo di riferimento e poi, se lo desidera, ci riaggiorni.

Un cordiale saluto.