Utente 404XXX
Peso 103 chili per 1.80, sicuramente in sovrappeso ma sono proporzionato facendo molto sport e avendo una buona costituzione generale.

Ho un pube pienotto che mortifica le mie dimensioni peniene (senza premere sul pube circa 12 cm per circa 13 cm di circonferenza) Sulla circonferenza sono abbastanza tranquillo. Stando alle mie esperienze sessuali e alle misure medie in giro in sostanza rientro pienamente nella media ma sull'aspetto del mio pene a riposo e in erezione meno.

Se misuro il pene affondando il righello nel grasso supero tranquillamente i 14 cm. INOLTRE scostando con le mani il grasso circostante e quindi liberando il mio pene da ciò che lo ingloba vedo una dimensione che mi gratifica

- A riposo invece il mio pene sporge per poco più del glande per una misura di 5 cm. Anche a riposo se spingo il grasso il mio pene mi risulta visivamente accettabile.
- A riposo affondando il righello nel pube misuro anche 5 cm di strato adiposo
- Il grasso è presente anche in parte vicino ai testicoli e questo procuce un arrossamento dovuto a sfregamento nell'interno delle gambe. (questo arrossamento non mi da grossi problemi.)

Psicologicamente soffro perchè da sempre anche quando sono stato molto più magro il mio pube è sempre stato cosi e l'immagine che la vista delle mie parti basse mi rimanda è una immagine del pene di un bambino. Vorrei risolvere definitivamente il mio disagio perchè ancora avverto la sensazione di essere poco virile. Per fare ciò ho bisogno di avere dei dati oggettivi da professionisti.

1) nel mio caso qual'è la mia misura "vera" del pene? quella presa spingendo il righello nel grasso del pube?
2) una eventuale liposuzione riuscirebbe a far emergere la parte nascosta del mio pene?
3) è possibile rimuovere anche il grasso che è in prossimità dei testicoli?

P.s. - mi trascino questo problema fin dall'infanzia quando ero già pienotto e il mio pene appariva ridotto rispetto a quello dei miei coetanei facendomi sentire enormemente a disagio. Non ho manie di voler essere superdotato e/o di ricorrere a interventi di falloplastica invasivi. Mi basterebbe avere quello che ho ma che sia visibile. il mio desiderio è solamente quello di sentirmi a mio agio con il mio corpo ed avere un aspetto delle parti basse che richiami l'idea di un pene sporgente nella norma. Vi ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
il fatto che lei si trascini un problema circa le dimensioni del pene che sono nella italica norma indica un disagio che difficilmente può essere risolto dalla chirurgia. Personalmente consiglierei uno psicologo. Poi sa, meglio una dieta di una liposuzione, che la ciccia è come i debiti se non si risolve la causa si riformano.
[#2] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
Dott. Cavallini.
La ringrazio per la pronta risposta. Sono d'accordo con lei sullo psicologo tant'è che queste informazioni fanno parte del percorso che ho intrapreso e la psicologa di cui ho gran fiducia e mi conosce da tempo mi ha suggerito, non essendo lei un medico, di fare una visita da un andrologo e eventualmente un chirurgo plastico per una liposuzione e ragionare sulle risposte alle mie domande oltre che indagare e capire il perchè di questo disagio.... approccio da più parti insomma.
Sono abbastanza consapevole che una buona componente del mio problema è psicologico e per alcuni periodi neanche ci penso ma ahimè è abbastanza radicato e si ripresenta con componente ansiosa. Dal momento che la qualità della mia vita ne risente parecchio quando vivo il problema ora vorrei darci un taglio (non al pene.. :-)...).
Mentirei se dicessi di aver avuto problemi con le donne con cui sono stato. Con loro, salvo le stesse abbiamo mentito spudoratamente e costantemente ogni volta che ho avuto intimità, ho avuto caterve di problemi con le donna...ma mai nessuno di natura sessuale.
Il fatto è che ho avuto una un vissuto personale in cui mi sono convinto per alcuni episodi di quando ero molto piccolo (veri e propri traumi) di essere ipodotato. Convinzione suffragata dal fatto che essendo stato sempre in carne il mio pene era oggettivamente poco evidente. Può immaginare che un bambino o un ragazzo non avendo ricevuto una educazione sessuale corretta e una visita andrologica a tempo debito abbia fatto elucubrazioni mentali di ogni tipo sul suo pene che appariva di appena solo la punta mentre gli amichetti più magri avevano un pene normale, e lo abbia fatto per tanto tempo e standoci molto male.
Crescendo questo problema me lo sono portato dietro sia psicologicamente che fisicamente. Sicuramente è cresciuto ma non è cresciuta la consapevolezza di essere normale. Questa consapevolezza (su cui sto lavorando anche con la psicologa) in poche parole si concretizza quando sposto lo strato di grasso con le mani e vedo il pene di un uomo e non mi complesso e svanisce poi quando il grasso ritorna a ricoprire il mio pene e mi sembra di avere il pene di un bambino e il complesso ritorna.
Fatta questa premessa la mia domanda su un sito medico per ovvie ragioni (e non su un sito di ingrandimento del pene) ha lo scopo di farmi avere un quadro oggettivo e reale della situazione. Così che ciò mi aiuti ad inquadrarmi psicologicamente.
Pertanto chiederle che ruolo hanno quei 4/5 cm di grasso sul pube in relazione a ciò che ho sempre visto mi aiuterebbe a definire e fissare oggettivamente una REALTA' vera e non condizionata dai vissuti infantili e/o condizionati da altro. Sulla base di questa realtà percorrere un sentiero di natura psicologica.

Ho un pene di 14,5 cm o ne ho uno di scarsi 12?
quel grasso sul pube è come dire .....un effetto ottico?......i 4/5 cm (o qualunque misura di strato di grasso che ho sono centimetri del mio pene?
.....eventualmente è possibile rimuovere quel grasso? (con la dieta a meno di diventare un culturista ho migliorato di poco la situazione nel passato)

Partendo da questa premessa avrei un punto fermo su cui fare delle riflessioni e/o valutare una liposuzione e/o dieta.
Non desidero fare interventi invasivi di falloplastica cui non sono interessato e che metterebbero a rischio, mi perdoni l'ardire, prestazioni a letto di cui non mi posso proprio lamentare.
Non dovendo riuscire a sciogliere psicologicamente il punto al massimo valuterei, se ci sono le condizioni (verificate dopo una visita), di fare una lipectomia o una liposuzione.
In fondo torno a dire, non voglio altro che ciò che ho, se ce l'ho. (non trovo cosi fuori luogo una correzione estetica, al pari di un naso..... se questo è storto e uno non ci si vede proprio si fa una rinoplastica....non è la fine del mondo).... la ringrazio anticipatamente se avrà la pazienza di leggermi. Le auguro un buon fine settimana.

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Mah guardi, personalmente le consiglio una sana dieta, per evitare l' affogamento del pene. La liposuzione funziona, per qualche mese, poi quel grasso tende a riformarsi.