Utente 274XXX
Buongiorno. La domanda che vorrei sottoporvi è la seguente: un'eccessiva palpazione della carotide (per controllo del battito cardiaco) potrebbe provocare lesioni alla stessa, a lungo andare? Ultimamente mi capita di sentire un leggero malessere dopo aver controllato il polso carotideo. Mi chiedevo se esiste in letteratura un fenomeno di usura dell'arteria per eccessiva auscultazione. Il dubbio mi è sorto in seguito alla lettura di un articolo in cui si parla delle eventuali complicazioni a cui potrebbe portare il semplice fatto di russare durante la notte. Se il semplice passaggio d'aria può lesionare le arterie, il tatto non risulta dunque altrettanto pericoloso?
Grazie per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei ha una grande confusione in testa.
Il russare pare associato a cardiopatia ichemica e non certo crea problemii carotidei....!!!
In secondo luogo non certo la palpazione carotidea crea problemi di parete .
Ultima osservazione...peche' mai una persona di 30 anni sta sempre a palparsi la carotide?

Arrivederci

cecchini