Utente 235XXX
Buonasera! Sono un uomo di 36 anni e con mia moglie staremmo per effettuare una ICSI. Il problema però è che da qualche mese ho iniziato a riscontrare una difficoltà ad urinare in particolare nello svuotamento della vescica che mi porta ad una frequente minzione. Mi sono così rivolto ad un urologo il quale dopo alcuni esami (una flussometria intermittente, una prostata sfumatamente ipoecogena come da infiammazione ma di dimensioni normali 23cc) ha ipotizzato che il problema potrebbe essere la malattia di Marion che però è ancora assolutamente da verificare tramite l'assunzione per almeno 30gg di Urorec per vedere se ho dei miglioramenti.
Oltre a questo nella spermiocoltura è emersa la presenza di 2 batteri (enterococcus e morganella morganii) in colonie da 10 alla 4^ a 10 alla 5^ e il relativo antibiogramma.

Ora la domanda è questa: visto il quadro suddetto e che ancora non ho iniziato ad assumere alcuna terapia se non il topster per 10gg, posso fare una ICSI il prossimo mese ? ( inizierei la terapia con UROREC dopo la PMA).
Considerando che il problema urinario non ha assolutamente inciso sulla qualità dello sperma e che il PH è nella norma e che i leucociti sono assenti. non potrebbe trattarsi di un falso positivo? Non è possibile fare l'ICSI magari prendendo un qualche antibiotico nelle settimane prima giusto per abbassare la possibile carica batterica (sempre che si sia realmente) oppure non è corretto?

Grazie per le possibili risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
G.le utente
Avverta il suo centro di procreazione assistita della terapia antibiotica che dovrà effettuare. Loro le diranno cosa fare. Soprattutto le consiglieranno riguardo a quando assumere gli antibiotici e se assumerli prima della ICSI. Mi faccia sapere, a presto
[#2] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
Sicuramente nei prossimi giorni cercherò di mettermi in contatto con il centro PMA ma volevo sapere se come medici specializzati nella riproduzione maschile vi risulta sia possibile effettuare una ICSI in presenza di una spermiocoltura come quella indicata o sia assolutamente da escludere.
grazie.

[#3] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Questo dipende dal centro di PMA. Secondo me sarebbe opportuno rimandare e farla dopo terapia antibiotica. Mi faccia sapere
[#4] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la cortese risposta.
Mi stavo però ponendo un'altra domanda a questo punto: lo sperma viene "lavato" prima di una ICSI e poi viene scelto lo spermatozoo morfologicamente più idoneo per l'inseminazione dell'ovocita, durante il lavaggio non vengono già pertanto eliminati i possibili batteri presenti nel liquido seminale in questione?
Da mia esperienza di centri PMA in questi anni solitamente prima di un trattamento non viene fatta ogni volta una spermiocoltura, pertanto mi chiedo: se non avessi avuto un problema nell'urinare non ci saremmo mai accorti di questa possibile infezione, quindi potrebbe essere che vengano fatte diverse inseminazioni con infezioni in atto?
grazie.

[#5] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Può essere che il centro dica che non c'è alcun problema. Ci faccia sapere. A presto