Utente 411XXX
Salve a tutti, vorrei parlarvi del mio problema che mi affligge da ormai un mese e mezzo. Prima di tutto vorrei precisare che nel 2013 ho sofferto di ansia per almeno due mesi, non riuscendo ad uscire di casa, incapacità di stare in luoghi chiusi o affollati ecc..ma ero riuscita a superare il tutto riposandomi e prendendo dei calmanti naturali / camomille e tisane.
L'anno scorso mi è capitato un episodio simile ma riuscivo comunque ad uscire e stare in mezzo alla gente. Premetto che lavoro da due anni all'estero e faccio un lavoro che molte volte risulta stressante.
Parlando di adesso, mi sta ricapitando la stessa cosa. Ormai è un mese e mezzo che tutti i giorni sento il bisogno di fare respiri profondissimi ogni minuto. Se dormo sto molto meglio, ma appena mi sveglio la prima cosa che mi viene in mente è il mio problema, e da lì ricomincia tutto. Non riesco a fare sforzi o attività fisica perche sennò rischio di stare ancora peggio. A volte quando mangio tanto sto peggio.
Non è la stessa cosa degli attacchi d'ansia che avevo nel 2013, è molto più tranquilla ma è comunque un problema perché non riesco a capire se sia collegato al cuore o se è un problema di alimentazione o mancanza di sonno. Vorrei anche precisare che sono una persona che dorme molto poco. Dalle 4 alle cinque ore ( se va bene ) a notte. Ho una relazione da due anni che spesso mi stressa parecchio , sono una persona che pensa molto, sopratutto ai problemi o a cosa dovrei fare. Insomma, do troppo peso a tutto quanto.
Vorrei soltanto sapere di cosa si tratta. Prego ogni giorno di star bene perché mi sta rovinando la vita e non riesco più a stare serena. Aiutatemi vi supplico

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Mi pare che i sintomi che lei riporta siano legati piu ad attacchi di panico con agorafobia che all' ansia in senso generico.
Penso pertanto che una consulenza specialistica psichiatrica ed eventuale terapia potrebbero esserle di estremo aiuto.

Arrivederci

cecchini