Utente 395XXX
Buongiorno gentili dottori,
vi contatto perché ho un problema con le benzodiazepine che su di me non hanno nessun effetto e spero voi possiate darmi una risposta che il medico di base e altri medici non sono riusciti a darmi. Vi racconto la mia esperienza. Tre anni fa mi fu prescritto 20 gocce di Valium al giorno la mattina per 10 giorni a causa di un periodo ansioso, che però non ha funzionato. Poi siccome il periodo ansioso si era brillantemente risolto, ho riportato il tutto al medico di base che è rimasto perplesso di fronte alla notizia e non mi ha dato nessuna spiegazione. Alcuni mesi dopo visto che dovevo fare un viaggio in aereo e a volte soffro di agorafobia, sempre dal medico di base mi è stato prescritto Xanax (3 pastiglie da 0.5 mg al giorno per quattro giorni) per ridurre l'ansia soprattutto quella anticipatoria ma anche quella benzodiazepina non ha funzionato. Tempo fa mi fu prescritto per un problema di insonnia minias 1 mg da prendere una pastiglia un ora prima di coricarmi per cinque giorni ma anche questa è stata del tutto inutile, per fortuna poi la mia capacità di riprender sonno regolare è tornata pochi giorni dopo. Naturalmente ho seguito tutte le indicazioni del medico di base, onde evitare una possibile dipendenza da benzodiazepine che però nel mio caso non poteva crearsi vista la totale mancanza dell' effetto. Io ho conservato quelle pastiglie in buono stato (al fresco e al buio, non sono scadute) e inoltre pochi giorni fa siccome dovevo andare a dormire presto ho preso due pastiglie di minias alle 20.00 nella speranza di addormentarmi presto (questo l'ho fatto senza l'autorizzazione del medico ma l'ho fatto perché ne avevo urgentemente bisogno) ma ancora una volta non ha funzionato tanto che prima delle 2.00 del mattino non sono riuscito a chiudere occhio. Ora la mia domanda è di solito quali sono le cause per cui una benzodiazepina non fa effetto? Ci tengo a precisare che ho 25 anni, maschio, sono alto 1.74 e peso 59 kg e non ho nessun problema di salute, eccetto la mia tendenza all'ansia e qualche volta all'insonnia.

Cordiali Saluti
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile utente
il mancato effetto terapeutico di un farmaco (specialmente uno psicofarmaco) può essere dovuto in primis al fatto che sussiste un disturbo sottostante non ben diagnosticato a cui si dovrebbe rispondere con una terapia appropriata e specifica, in secondo luogo ,anche se pur raramente può trattarsi di una "resistenza" dell'organismo al farmaco e in tal ccaso occorre ricorrere ad una mmolecola con diverso meccanismo di azione
[#2] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2015
egregio dott. Vannucchi, grazie per la risposta e chiedo scusa per il ritardo ma queste connessioni spesso hanno problemi. Devo dire che in ogni caso la sua risposta oltre che illuminante mi ha un po' spaventato, quando si riferiva a un possibile disturbo sottostante non ben diagnosticato, ma per questo cercherò di prendere provvedimenti. Io però ho pensato anche a una cosa: se non sbaglio durante un operazione chirurgica capita spesso che iniettino 2 mg di midazolam almeno così ho letto diverse volte. Ora la mia domanda è questa, dato che su di me anche una benzo ipnotica come il minias non ha avuto effetto, se dovessi subire un operazione d'urgenza, o magari altre tipo appendicite, e mi iniettino il midazolam per indurmi in anestesia generale è possibile che anche quest'ultima non faccia nessun effetto? vi faccio queste domande perché conosco diverse persone a cui è stato prescritto xanax o valium per ansia e non ha funzionato neanche a loro, ma non mi sarei mai aspettato che anche una benzo ipnotica come il minias non avesse avuto nessun effetto, quest'ultima mi ha un po' fatto preoccupare, per cui è possibile che in questo caso ci sia un mancato metabolismo della molecola o altre cause? scusate per il disturbo
[#3] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
nel caso fosse necessaria un'anestesia (anche per piccoli interventi) stia tranquillo perchè ci sono molecole non benzodiazepine molto efficaci
[#4] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2015
egregio dott. Vannucchi, grazie ancora per la risposta incoraggiante per quanto riguarda l'anestesia generale in un'operazione d'urgenza. Tuttavia volevo chiederle sempre sul fatto che il minias non fa nessun effetto. E' possibile che tutto ciò sia dovuto a un mancato metabolismo della molecola benzodiazepinica da parte del fegato o al fatto che i miei recettori del GABA non permettono un buon legame della molecola ai recettori stessi? In ogni caso il mio fegato funziona molto bene, viste le ultime eccellenti analisi del sangue e urine che ho fatto, inoltre sono strettamente vegetariano. Grazie ancora per la disponibilità.
[#5] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
E' assai probabile imputare questo tipo di resistenza a fattori farmacodinamici (recettoriali) per valutare eventuali cause farmacocinetiche occorrerebbe valutare i dosaggi plasmatici dopo assunzione del farmaco
[#6] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2015
egregio dott. Vannucchi, grazie ancora per la risposta e chiedo scusa per il ritardo ma il problema riguarda sempre la connessione. Dal momento che questa resistenza, molto forte in me, al farmaco è legata a fattori farmacologici come lei ha spiegato, cosa mi consiglia di fare affinché questa resistenza possa essere in qualche modo ridotta (sempre che esista un modo), a chi mi posso rivolgere? Inoltre in commercio ci sono degli ansiolitici o sonniferi che non siano benzodiazepinici?
Grazie ancora per la disponibilità
[#7] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
in commercioci sono una varietàdi molecole non benzodiapepiniche specifiche per le sue richieste
[#8] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2015
ok egregio dottor Vannucchi, grazie mille. Mi informerò su queste molecole non benzodiazepiniche che speriamo facciano effetto qualora ne avessi bisogno. Però per quanto riguarda la resistenza ad un farmaco (come nel mio caso), c'è un modo per ridurla?

grazie ancora
[#9] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
In toria Il non uso di benzodiazepine per lunghi periodi potrebbe risensibilizzare i recettori anche se molto probabilmente da quabto si evince dalla letteratura akcuni soggetti hanno"meno recettori" per un fatto costituzionale ed in questo caso non ci sono metodi per aumentarli
[#10] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2015
grazie ancora per la risposta dott. Vannucchi, finora soltanto lei è stato molto preciso su quest'argomento. In ogni caso mi informerò sulle molecole non benzodiazepiniche. A proposito pochi giorni fa, un amico farmacista mi ha detto che in questi casi è meglio fare una TAC ai centri del sonno. E' chiaro che questo mio amico è farmacista e non un medico. In ogni caso lei approverebbe un esame come questo per problemi di questo tipo?

grazie ancora
[#11] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
se non ci sono seri problemi di insonnia non ne vedo il motivo
[#12] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2015
ok dott Vannucchi, direi che non ho altre domande. Grazie per le risposte.