Utente 358XXX
Salve, come ormai è noto dalle numerose richieste di consulto, sono in cura per una prostatite verosimilmente cronica con la presenza di mycoplasma hominis nel liquido seminale. Oggi è il quinto giorno di cura con tavanic 500 mg 1 cp al di e ho appena fatto un'ecografia a prostata vescica e reni. Prima della cura, la prostata secondo l'urologo era molto ingrossata, oggi l'esito dell'ecografia mostra vescica e reni nella norma, per quanto riguarda la prostata adesso il referto é:
"Prostata di volume nella norma, morfologia conservata, con contorni lievementi irregolari ed ecostruttura disomogenea con sporadica millimetrica stria iper-ecogena di tipo calcifico periuretrale.
Dimensioni 42×25×34 mm e vol 19 ml
Vescicole seminali normo rappresentate
Residuo vescicale post minzionale intorno ai 35 ml
Esame sub ottimale per cospicuo meteorismo intestinale
Si consiglia monitoraggio clinico ecografico"

È presente ancora l'infezione? La cura sta funzionando? La calcificazione millimetrica crea problemi? Vorrei delucidazioni un po' su tutto. Grazie mille!
[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
CASERTA (CE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,lo stato flogistico si valuta con la spermiocoltura con antibiogramma.Le calcificazioni prostatiche sono espressione di un fenomeno precedente.Continui a seguire le terapie consigliate dallo specialista di riferimento reale.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 358XXX

Iscritto dal 2014
Si certamente. Ma all'esame rettale l'urologo affermava di sentire una prostata molto ingrossata. Questo dopo 5 giorni di antibiotico non è riscontrabile nell'ecografia (l'ecografo mi ha detto che le dimensioni sono nella norma), quindi ciò vuol dire che ci sono stati miglioramenti oppure i due esami non sono comparabili?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
CASERTA (CE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non sono comparabili.Cordialità.