Utente 349XXX
Buongiorno dottori
sono la mamma di un bimbo di 20 mesi a cui poco dopo la nascita per un controllo causale (la pediatra di famiglia avvertiva un soffio al cuore e mi ha dirottata ad un cardiologo) è stata diagnosticata, a seguito di eco cardiaca, una marcata ipertrabecolatura del ventricolo sx tipo miocardio non compatto. Da lì sono seguite eco cardiache ed ecocardiogramma ogni 3 mesi, che finora evidenziano sempre una perfetta funzionalità del muscolo cardiaco. Tuttavia ogni volta i cardiologi mi ripetono che questa 'condizione' potrebbe, ad un certo punto, evolvere rendendo non correttamente funzionante la funzione cardiaca, Potete quindi immaginare l'ansia prima di ogni controllo e in generale. Vorrei quindi chiedervi quanto frequente è questa evoluzione negativa, e cosa devo aspettarmi. Sono inoltre necessari controlli trimestrali a vita? Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
la Left ventricular non-compaction cardiomyopathy o, in Italiano, la cardiomiopatia del ventricolo sinistro non compattato, è un disordine genetico di cui sicuramente i cardiologi che seguono il suo bambino avranno spiegato la natura.
Ripetere ad ogni ecocardiogramma che suo figlio potrà avere problemi cardiaci mi pare eticamente non corretto: si dice una volta e basta! Vi sono svariate forme cliniche di questa patologia e alcune non necessariamente evolvono in modo drammatico.
Quindi adesso è giusto che i controlli siano a scadenza breve: poi potranno essere diradati in base alla evoluzione della patologia che le auguro essere la più favorevole possibile.
In bocca al lupo e un bacio al piccolo.
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 349XXX

Iscritto dal 2014
Grazie dottore. Essendo seguiti da un centro ospedaliero, i controlli sono effettuati ogni volta da cardiologi diversi, e la mia ansia e confusione nasce proprio dal fatto che talvolta il medico di turno ci rassicura dicendo che 'quasi sempre resta così com'è, tranne in rari casi che comunque si possono trattare', e altre che 'è probabile un'evoluzione negativa con impatti sulla qualità della vita'. Da questo può ben capire la mia agitazione di mamma...
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
La capisco bene, eccome se la capisco!!
;-)
Ascolti con parsimonia i cattivi profeti: è il consiglio di un medico!
Saluti,
Vincenzo Caldarola.