Utente 208XXX
Spettabile dottore,
ho 56 anni, sono sposato e ho due figli, da alcuni anni soffro di disturbi aritmici che solo nell'ultimo anno sono stati identificati in fibrillazione atriale e flutter atriale. Nel corso degli ultimi 8 mesi ho subito due ablazioni transcatetere di flutter atriale (la prima non aveva dato il risultato sperato). Attualmente il flutter pare finalmente eliminato, ma continuano a sussistere disturbi aritmici del tipo fibrillazione atriale. Nel corso di questi anni mi sono stati prescritti vari tipi farmaci nel tentativo di contenere tali disturbi, ma dopo la dimissione dall'ultimo intervento di ablazione la mia terapia è attualmente la seguente: 1 cp/die Xarelto 20mg; 1cp/die Amiodar 200mg; 1/2 cp/die Paroxetina 20mg. Poichè non ho mai avuto una vita sessuale soddisfacente in passato ho fatto uso, ma non certo assiduo, di farmaci per d.e., tuttavia, da quando ho iniziato ad usare farmaci antiaritmici (betabloccanti, calcio inibitori e altri), vale a dire già da un paio d'anni, per scrupolo e per timore non ho mai voluto mescolare detti farmaci con quelli per la d.e., pur sapendo che l'interazione pericolosa più spesso segnalata è quella con i nitrati, che io non ho mai assunto. La condizione descritta, già di per sè abbastanza frustrante sotto il profilo sessuale, mi deprime ulteriormente avendo letto, sul bugiardino del Amiodar, che ne è sconsigliata l'assunsione con farmaci per d.e., mentre io vorrei riprendere quel minimo di attività sessuale atta a darmi un minimo di soddisfazione. Le chiedo di illustrarmi quali potrebbero essere i rischi di sovrapporre famaci per d.e. alla mia attuale terapia e, se dei concreti rischi esistono, se fosse eventualmente possibile modulare le somministrazioni per evitarli (ad esempio sospendere Amiodar prima di assumere farmaci per d.e.)
La ringrazio e porgo cordiali saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
In realta' le controindicazioni cardiologiche all'impiego di farmaci come taladafil, sildenafil e avanafil sono ormai ben conosciute e:
- contemporanea terapia con nitrati (che lei pare non assuma)
- marcata disfunzione ventricolare sinistra
- patologie cardiache come miocardiopatia ipertrofica ostruttiva o stenosi aortica

Inoltre tali farmaci hanno un effetto benefico a livello del circolo polmonare (riducono la pressione polmonare).
Non ci sono controindicazioni teoriche all'assunzione di tali molecole contemporaneamente all'amiodarone.
Ovviamente , provocando vasodilatazione periferica, possono aumentare la frequenza cardiaca .
Per questi motivi tali farmaci vanno assunti su prescrizione medica ed in accordo con il suo cardiologo curante che la conosce certo meglio di me

Cordialita'

cecchini