Utente 391XXX
Buonasera,premetto che da 13 anni mi è stata diagnosticata ansia generalizzata,sindrome ansiosa depressiva con attacchi di panico.Voglio anche farvi notare che purtroppo sono un'accanito fumatore.
Ma il succo del discorso è che con questo caldo,mi prende spesso e volentieri la tachicardia con malessere attorno alla zona del cuore...a riposo i miei battiti oscillano sempre dai 78/80 con picchi di 98/100 e questa cosa mi crea agitazione...so che fumare non aiuta,ma soffro di ste cose soprattuto in questo periodo dove è caldo,umido e afoso.Il tutto accompagnato da una profusa debolezza ed eccessiva sudorazione.
Spero di ricevere qualche rassicurazione e consiglio in merito...cordiali saluti e grazie anticipatamente.
Matteo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
nessuna rassicurazione é possibkle per un accanito fumatore.
di che dovrei rassicurarle, mi scusi.

arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Che rassicurazione vuole avere se lei è un accanito fumatore a quanto pare deciso a non smettere?
Sa benissimo che pone a rischio la sua vita sia per eventi cardio - cerebro - vascolari, sia per tumori (polmone, vescica, pancreas, stomaco ed esofago....).
Lei fuma come un turco e si meraviglia di una frequenza alta? Si preoccupi di valutare lo stato delle sue coronarie e dei suoi TSA.
Che il caldo possa accentuare un fastidio soggettivo è un conto: per cui beva molto (almeno 2 litri di acqua nelle 24h), il fatto che lei debba curare l'ansia è il secondo problema da risolvere, affidandosi a uno specialista, che lei debba smettere di fumare è la priorità assoluta, specie se, come afferma, è un accanito tabagista.
Io fossi in lei programmerei un ecocardiogramma color doppler, e una prova da sforzo massimale ed in più, come già detto un color doppler dei vasi del collo.
Ma se lei vuole continuare a fumare può anche non fare nulla, caro Sig. Matteo.
Perché vede la vita è sua e sta a lei decidere se viverla o farla andare in fumo. Io posso solo consigliarla.
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.