Utente 419XXX
Cortese dottore,
Ho sperimentato in maggio e giugno anomalie mai avute prima. Il mio ciclo è sempre di 25 gg ma molto scarso.Ho in genere perdite marroni prima e dopo il ciclo vero e proprio che dura un paio di gg. A maggio ho avuto un ritardo di 5 gg per me del tutto anomalo e con sintomi anche diversi dal solito. Il ciclo è stato da subito molto chiaro e liquido e non ho avuto nessuna perdita marrone né prima né dopo come sempre accade. Ed è stato molto lungo ed estremamente abbondante. E il sanguinamento è durato in pratica per una settimana intera. Una sera in particolare ho avuto una forte emorragia in meno di un minuto.
Il ciclo mi è poi tornato dopo 28 gg quindi dinuovo più tardi del mio normale ciclo. È stato ancora non del tutto come i miei normali cicli quanto a colore e consistenza del sanguinamento. Conti che il primo giorno del ciclo ho iniziato ad assumere per la prima volta la pillola contraccettiva. Dopo due giorni andando al bagno ho espulso una piccola massa di un paio di cm di colore distintamente grigio scuro e consistenza gelatinosa e compatta. E insieme c era come una sottile membrana color pelle. Non si trattava assolutamente né di secrezioni né dei grumi che si hanno col ciclo.
Vorrei avere un suo parere considerato che sia il ciclo anomalo sia questa espulsione non si sono mai verificati prima. Non ho mai avuto ritrdi anche. E il ciclo di Luglio è stato del tutto normale come ogni ciclo passato.
Grazie per la sua attenzione
Saluti
[#1] dopo  
Dr.ssa Daniela Pelotti
24% attività
4% attualità
8% socialità
ABBADIA CERRETO (MI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Hai certamente una GLUTEN SENSITIVITY!!
La CELIACHIA non diagnosticata comporta moltissimi problemi a livello ormonale e va ad invadere anche la sfera riproduttiva,con cisti ovariche, sbalzi ormonali e tiroidei,ciclo mestruale irregolare.chiaramente ci vuole un po' prima che tutto torni alla nromalità, sia per quanto riguarda il ferro e i vari valori vitali del sangue, sia per le mestruazioni.in ogni caso parlane con la tua ginecologa e vedrai che ti dirà sicuramente cosa fare, non sottovalutare assolutamente la cosa, te lo dico per esperienza mia personale, e soprattutto per mantenere la tua fertilità, e se vuoi avere dei bambini. :-)
CHE COS'È L'INTOLLERANZA AL GLUTINE
La celiachia viene nominata per la prima volta nel 250 d.C. ma si deve arrivare al 1888 per avere una prima descrizione dettagliata dei sintomi di questa condizione. Lo fece Samuel Gee, il quale intuì che l'unico trattamento era una dieta adeguata, con pochi alimenti derivati dalla farina. Solo a metà del XX secolo però fu chiarito che la celiachia si manifesta in alcune persone in seguito all'ingestione di proteine del grano, che danneggiano la mucosa intestinale. Oggi, la scienza ha stabilito che la celiachia è una malattia digestiva di origine genetica. I celiaci reagiscono all'introduzione di alimenti ricchi di glutine, un termine utilizzato genericamente per indicare alcune proteine del grano, dell'orzo e di altri cereali. Occorre poi ricordare che alcuni eventi possono favorirne lo sviluppo, come la gravidanza, un intervento chirurgico, un'infezione virale, lo stress acuto. Altri fattori sono relativi al tipo di alimentazione e alla quantità di glutine introdotto nella dieta.

I SINTOMI A CUI FARE ATTENZIONE
Dolori addominali ricorrenti, diarrea cronica, perdita di peso (ma anche aumento ingiustificato), feci chiare, anemia, gas intestinali, dolori alle ossa, crampi muscolari, stanchezza, dolori articolari, insensibilità agli arti, ulcere dolorose nella bocca, irritazioni della pelle, danneggiamento dello smalto e del colore dei denti, irregolarità dei cicli mestruali e cambiamenti nel comportamento sono i principali sintomi della celiachia.
Le persone celiache tendono anche a sviluppare altre malattie, come quelle autoimmuni (psoriasi, dermatite herpetiforme, tiroidite autoimmune, lupus sistemico eritematoso), malattie del fegato, vascolari ecc. La connessione tra queste malattie e la celiachia può anche avere una natura genetica. Nei bambini, l'irritabilità è un sintomo molto comune, così come i ritardi nella crescita.