Utente 419XXX
Buongiorno, ho 33 anni e sono affetto da azospermia (in 3 differenti circostanze non é stata riscontrata alcuna produzione di sperma) e l'analisi ormonale ha mostrato i seguenti risultati:

FSH: 28.5 U/L
LH: 14.3 U/L
Testosterone: 10.4 noml/L
Free T4: 16 pmol/L
TSH: 1.8 mIU/L

Il medico (ginecoloco esperto di fertilitá femminile) mi ha inoltre manualmente controllato il sacco scrotale escludendo l'ostruzione del cavo quindi imputando alla situazione ormonale l'origine dei problemi.

Come background generale:
- godo di buona salute,
- il desiderio sessuale é ben sviluppato (ho iniziato a masturbarmi in pubertá, attivitá sessuale arrivata a 24 anni, adesso erezioni notturne sono una normalitá, sono sposato con vita sessuale normale),
- ho sofferto da bambino della sindrome del "testicolo ad ascensore" (ie. il testicolo non si posizionava correttamente nella sacca). Questo problema é stato risolto in gioventú, prima della pubertá.
- faccio uso di betabloccanti a basso dosaggio (40mg) in periodo di stress come risposta al trauma di fibrillazione atriale notturna due anni fa.
- aciditá di stomaco e reflusso nella norma per un uomo della mia etá.
- non fumo, sono astemio, non faccio uso di droghe.

La mia domanda é semplice: devo farmi vedere da un andrologo o da un endocrinologo?

Grazie mille per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

in questi casi bene sentire in diretta un bravo andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare problema riproduttivo, le consiglio di consultare anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/195-azoospermia-spermatozoi.html

http://www.medicitalia.it/blog/andrologia/6491-azoospermie-difficili-utili-recuperi-aggressivi.html

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 419XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille per la puntuale e rapida risposta Dottore.
Anche i link sono molto utili.

Nella fattispecie, sono interessato non solo a trovare una soluzione al problema di infertilità (il metodo microTESE è quello che mi è stato prospettato questa mattina dal dottore) ma anche, e soprattutto, la causa di questo elevatissimo livello di FSH ed LH.

Idealmente, preferire cercherei prima di risolvere (se possibile) il problema ormonale ed eventualmente poi passare a microTESE e ICSI se soluzione non c'è. Per questo motivo pensavo che un passaggio dall'endocrinologo potesse essere utile.

Dati i livelli pensa sia possibile agire sulla situazione ormonale?

Grazie ancora per la disponibilità.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

i livelli alti di gonadotropine non sono la causa dell'azoospermia ma sono la conseguenza di un problema testicolare importante che ha causa l'azoospermia, soprattutto a livello dell'epitelio seminale.

Già fatte le valutazioni citogenetiche?

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 419XXX

Iscritto dal 2016
Buongiorno dottore,

torno a scriverle perchè dopo aver visitato un centro specializzato ho appena ricevuto i risultati delle valutazioni citogenetiche, che sono uscite normali. Nello specifico si dice che "Il cariotipo non evidenzia la presenza di piccole alterazioni strutturali (monosomie parziali, trisomie parziali o piccole traslocazioni bilanciate o sbilanciate) che possono essere associate ad anomalie fenotipiche e sono visualizzabili solo con tecniche molecolari".

Ho inoltre effettuato il test della fibrosi cistica ed è uscito negativo.

Inizio a pensare che l'idea della natura "non ostruttiva" della mia azospermia sia da riconsiderarsi.

Ne conviene?

Cordiali Saluti.