Utente 406XXX
Salve, sono un ragazzo di 19 anni in cura (inoltrata ormai) per prostatite.
Vorrei porvi una domanda..a volte mi capita di non durare quanto vorrei sotto le lenzuola (non ai livelli di una vera e propria eiaculazione precoce ma comunque abbastanza poco). Ciò però, quando sono tranquillo e rilassato, ad esempio nell'ultima settimana in cui sono stato in vacanza con la mia ragazza, non mi succede e va tutto bene. Succede invece quando sono preoccupato per qualcosa o non sereno durante il rapporto. Ho dunque pensato che la causa non è di tipo organico ma di tipo psicologico, perché se questo "problema" fosse dovuto alla prostatite allora dovrebbe verificarsi sempre e non solo quando sono poco tranquillo. Confermate il mio ragionamento?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,non si complichi l'esistenza ed accetti il dato di fatto che,alla sua età,specialmente in relazione a rapporti saltuari , l'alternanza nella resa,specialmente riferita ai tempi eiaculatoria,va considerata una eventualità più che possibile.Quanto ipotizzato é confermato dall'assunto che,quando ha la possibilità di "convivere" con la partner,il problema non sussiste.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 406XXX

Iscritto dal 2016
Dunque posso stare tranquillo in relazione al fatto che queste "variazioni"non sono dovute alla prostatite, ma ad altri fattori e sono una cosa normale? Altrimenti il problema dovrebbe verificarsi sempre o quasi, giusto?
P.s ultimamente i rapporti non sono stati saltuari ma abbastanza frequenti..
La ringrazio per l'attenzione, spero potrà rispondermi anche alla seconda domanda
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...il nesso con la prostatite può esserci ma andrebbe diagnosticato ed aggiornato con spermiocoltura con antibiogramma e conta delle colonie,eco delle vie seminali, esplorazione rettale...Di tutto ciò non ci trasmette nulla,per cui conviene terminare la terapia e seguire le indicazioni di chi ha avuto il privilegio di visitarla.Cordialità.
[#4] dopo  
Utente 406XXX

Iscritto dal 2016
Dottore, la spermiocoltura è stata eseguita e io ho appena terminato una cura antibiotica per infezione da enterococcus faecalis..
La ringrazio di nuovo per l'attenzione ma una cosa non ho capito..nella sua prima risposta lei mi aveva detto che in base al mio racconto la causa prostatica puó essere esclusa, poiché non ho avuto problemi durante la vacanza..le dispiace chiarirmi meglio questo punto? Grazie ancora
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non ho mi detto che la causa prostatica sia esclusa,credo,però,che sia improbabile e,comunque,curabile con la terapia mirata che ha seguito.Cordialità.