ansia  
 
Utente 422XXX
Salve a tutti il mio è un problema di disfunzione erettile che si verifica solo con determinate partner.
Cerco di spiegare brevemente il mio problema.
Ho 57 anni ed ho una moglie piacente dal 1998.
Con lei le mia attività sessuale è stata sempre regolare e senza problemi di erezione che avviene subito anche in caso di momentanee interruzioni.
Anch'io sono un tipo piacente e nel 2001 ho avuto una storia prima con una, poi una seconda donna.
Con entrambe, nonostante mi piacessero molto, ho sempre avuto problemi di erezione che raggiungevo a fatica, con problemi di anche di tenuta dell'erezione stessa.
Nello stesso tempo i rapporti con mia moglie andavano sempre in modo perfetto.
I rapporti con le altre donne non sono mai stati frequenti.
Recentemente ho chiesto la separazione da mia moglie nel mese di Aprile 2016 (premetto che fino a questa data e per tutti questi anni non ho mai avuto problemi di erezione).
Nei mesi successivi ho conosciuto una donna e, memore del problema avuto in anni precedenti, mi sono recato dal mio medico di base, facendomi prescrivere del Viagra 100. Assumendo mezza pasticca (50mg) lo stesso non riuscivo ad avere erezione o erezione sufficiente.
Storia finita.
Inizio di altra storia; provo con Cialis 10, stesso problema.
Ci tengo a precisare che In entrambe i casi le esperienze sono state con donne che a me piacevano molto ed anche io piacevo a loro.
Durante i rapporti con mia moglie (circa 20anni) non ho MAI (neanche una volta) avuto problemi di erezione.
Ho sempre erezioni notturne e mattiniere.
Ho una ipertrofia prostatica che curo con mezza pasticca al g. di Unoprost 2mg (diagnosticata dal 2008).
Non sono preoccupato, ma a questo punto sto iniziando ad avvertire una certa ansia.
Devo cercare di capire l'origine del problema e cerco un aiuto da parte di qualcuno che mi può dare delle indicazioni.
Un ringraziamento anticipato a chi vorrà rispondere.

Amedeo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,credo che sia giunto il momento che uno specialista reale ponga una rigorosa diagnosi,tale da garantire una consapevolezza prestazionale alla sua vita sessuale che,a differenza di prima,é limitata ad incontri programmati,da sempre a lei ostici.
Il tadalafil da 10 mg. non rappresenta di gold standard per risolvere i suoi problemi.La IPB certo non aiuta.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Gentile lettore ,evidentemente l'ansia e lo stress del rapporto extra le provocano un deficit erettile situazionale è quindi solo un problema di natura psicologica . Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 422XXX

Iscritto dal 2016
Un ringraziamento ai dottor iIzzo e De Siati per la loro cortese e soprattutto celere risposta.
Vorrei completare la domanda chiedendo se il consulto psicologico dovrà essere completato (prima o dopo?) da un consulto di tipo andrologico o se quest'ultimo potrebbe essere non necessario.
Grazie
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
..nella mia riposta sottolineavo la necessità che uno specialista ponesse una diagnosi rigorosa che,talaltro,permettesse di quantizzare il livello di ansia.Cordialità.