Utente 424XXX
Salve, da circa due mesi all'improvviso
mi sono ritrovato con il pene curvo,
e non ho l'erezione che avevo in precedenza,
cosa posso fare c'è qualche cura per farlo
tornare normale?
Particolare curioso non so se puo' ver
influito il tutto è accaduto 3 giorni
dopo essere stato sottoposto a coronarografia.
Nell'attesa cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Cerca nel dizionario medico il significato di

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

lasci perdere la coronarografia e consulti ora in diretta, senza perdere altro tempo in internet, il suo andrologo di fiducia.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo problema, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/227-pene-curvo-valuta-fa.html

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 424XXX

Iscritto dal 2016
Salve dottore dietro suo validissimo consiglio, ho consultato un andrologo.Al controllo la diagnosi è stata: Curvatura di 65° associata a DE.In trattamento con pPeroninev plus+ spetra 200 al bisogno.
Ecograficamente: presenza di placca fibrotica distale di 6mm. Si consiglia continuare con la terapia in atto praticata.
Dopo tre mesi la situazione non è per nulla migliorata anzi al contrario.
Per cui il dottore ha iniziato un'altro trattamento:
n° otto iniezioni sottocutanee
n° 4 fiale di Isoptin 5mg 2ml.
n° 4 fiale di cortisone 4mg 2ml.
intervallati di una a settimana.
Risultato negativo come se non avessi fatto nulla.
In ultima tesi mi e' stato consigliato l'intervento chirurgico,
ma io dietro i precedenti sono molto diffidente.
Dotttore cosa mi consiglia? adesso credo il quadro clinico sia completo.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

le indicazioni ricevute dal collega sono condivisibili se la lesione, come sembra, è stabilizzata e non più in fase acuta.

Un cordiale saluto.