Utente 131XXX
Salve dottori buon pomeriggio.
Consapevole che non si possa pervernire a diagnosi di alcun tipo online ho comunque dei dubbi e vi sarei grato se mi potreste chiarire un po' le idee.
Sono un ragazzo di 29 anni che ha avuto una vita sessuale soddisfacente fino a 2 anni fa quando,un po' all'improvviso, ebbi delle difficoltà durante il rapporto sessuale in quanto non raggiunsi l'erezione. Sono consapevole che questo possa capitare a chiunque e proprio per questo non diedi alcun peso alla cosa giustificandola con eventuale stanchezza o stress. Tuttavia la cosa ha iniziato a ripetersi sempre più di frequente, e sono scomparse anche le erezioni mattutine (quasi mai mi sveglio in erezione e quelle rare volte che mi capita trattasi di erezione debole) e sono totalmente scomparse le erezioni spontanee.
Mi sono quindi recato da un andrologo il quale mi ha fatto fare le analisi ormonali (in regola) mi ha esaminato la prostata (a suo dire tutto regolare) e mi ha fatto fare un ecodoppler penieno anche questo risultato normale. L'unico esame che ha dato un esito non positivo è stato il rigiscan (1 erezione 80% la prima notte della durata di 13 minuti ed un erezione la seconda volta dell 80% di 10 minuti),mentre leggevo che si dovrebbero avere almeno 3 erezioni a notte. Tale esame mi fu fatto ripetere ma anche la seconda volta gli esiti furono analoghi.
Finiti questi esami il medico mi dice che è una cosa psicologica e mi prescrive cialis. Ad oggi io col cialis riesco ad avere un rapporto il 50% delle volte mentre per il resto o non raggiungo l erezione (nonostante abbia preso il farmaco) o la perdo durante il rapporto. Quindi,come sarà facile capire, non sono affatto soddisfatto della piaga che hanno preso le cose.
I dubbi che ho sono i seguenti : in base agli esami che ho fatto posso davvero escludere una qualsiasi causa fisiologica???? se la causa non è fisiologica mi si può spiegare perchè il rigiscan che ho eseguito ha mostrato una sola erezione a notte e anche di durata breve,mentre leggevo dovrebbero essere almeno il triplo? e perchè mi è stato fatto ripetere tale esame e quando gli esiti sono stati uguali al primo tentativo si è comunque optato per una causa prettamente psicologica? Ci sono secondo voi altri esami che dovrei fare prima di concentrarmi sull'aspetto psicologico,aspetto che comunque non nego perchè credo sia naturale dopo una serie di "tentativi a vuoto" non vivere il sesso con la, passatemi il termine, scioltezza di un tempo????
Io sono consapevole che ormai non vivo il sesso con quella tranquillità mentale necessaria per godersi il momento,ma come ripeto credo sia normale vista la situazione. Ciò che mi chiedo è se non ci sia un aspetto fisico della cosa che non è stato notato e che magari si accompagna all aspetto psicologico.
Grazie mille anticipatamente per il vostro tempo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

una " disfunzione erettile improvvisa e duratura" frequentemente ha alla sua origine un problema funzionale, psicologico, relazionale improvviso ma qui mi fermo e la rimando ad una rivalutazione in diretta con il suo specialista di riferimento.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html

http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile .

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille dottore per la cortese risposta.
Solo un dubbio : lei quando dice "funzionale" intende fisico??? in base al racconto che ho fatto nel primo messaggio lei cosa mi consiglia di fare quindi? glielo chiedo perchè il mio specialista,come le dicevo,mi ha prescritto del cialis. Lei quindi mi consiglia di continuare con l utilizzo del farmaco (nonostante i risultati siano altalenanti)????? Non ci sono altri esami che a suo parere dovrei effettuare?
Mi scuso se posso sembrarle insistente.
Grazie
[#3] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Sopratutto ciò che non mi è chiaro è quanto segue : mi è stato detto che il rigiscan serve a "comprendere" se la problematica è psicologica o fisica. Mi corregga se sbaglio. Dunque di fronte a un rigiscan non ottimale (1 erezione a notte per entrambe le notti e stesso risultato alla ripetizione dell'esame) perchè si è optato per la causa psicologica? E' a fronte di questa incomprensione che mi domando se io non debba effettuare altri esami o se appunto i valori ormonali e l eco doppler penieno possano bastare,e quindi smettere di fare esami ulteriori.
Chiedo scusa per il disturbo,mi rendo conto che ricevete spesso domande come la mia. :) buonaserata
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

bene ora porre queste questioni legittime in diretta all'andrologo che la sta seguendo.

Ancora un cordiale saluto.