pfo  
 
Utente 202XXX
Dopo chiusura pfo (come potete vedere dalle mie domande precedenti) circa 1 anno e 1/2 fa ho cominciato questa estate a correre.
All'inizio la corsa era ridicola, ora sono arrivato a fare 7/10 km in 45/60 minuti.
Sto esagerando o va tutto bene?
A marzo dovrei terminare con la cardioaspirina e la cosa un po' mi spaventa perché so che previene l'ischemia almeno quanto la chiusura tramite pfo, posso stare tranquillo?
Tra l'altro ci sono sostituti che danno meno problemi allo stomaco dato che da mesi soffro di un forte reflusso?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Guardi,
non perchè ha chiuso il PFO ma per semplice buonsenso la sua corsa di 10 Km in 60 min non ha nulla di ridicolo.
Anzi le consiglio di non eccedere in nessuno sport di restistenza e di non portare il "motore" ad una frequenza superiore a 120 bpm. Fermandosi quando si stanca.
Diversamente rischia l'ipertrofia del Ventricolo sn (cuore di atleta) che è una patologia.
In quanto alla terapia con aspirina, viene data in via precauzionale e poi sospesa.
Lei se vuole fare sport deve ogni anno fare una prova da sforzo massimale al cicoloergometro o al tapis roulant per verificare la sua riserva coronarica.
Per il reflusso si rivolga al curante che le prescriverà un IPP.

Cordialità,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 202XXX

Iscritto dal 2011
Non mi aspettavo una risposta così drastica sinceramente.
Corro con un cardiofrequenzimetro e dopo 5 minuti sono a 160 bpm e cerco di mantenerli per tutto il tempo con oscillazioni di +-5 bpm.
I 120 li raggiungo praticamente subito e anche solo giocando a ping pong credo di superarli.
E un anomalia il mio ritmo cardiaco?
Farò questo test che dice ma a 120 mi è precluso qualsiasi sport camminando di buon passo sarò già a quei livelli, pensavo che allenare il cuore potesse aiutarmi.
Sono molto triste per questo, questi risultati li ho raggiunti con molta fatica dato che ero una persona sedentaria e l'ho fatto per aiutarmi fisicamente con ottime ricadute sul piano psicologico
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Io le dico che portare il cuore a una frequenza di 160 bpm non fa bene al cuore più sano.
D'altro canto il cuore e suo, e può fare come vuole.
Io le do un consiglio che non è obbligato a seguire.

Arrivederci,
dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Spero che il Dott. Caldarola non me ne voglia se mi intrometto in un post al quale egli per primo ha risposto...

Gentile Utente,
lei scrive:
"All'inizio la corsa era ridicola, ora sono arrivato a fare 7/10 km in 45/60 minuti.
Sto esagerando o va tutto bene?"

Quindi chiede una risposta.
Se la chiede ad uno dei cosiddetti personal trainers...cosa che va oggi di moda le dita'...coraggio puoi far di più".

Se lo chiede ad un cardiologo, come lei sta facendo la risposta e' diversa.
L'ntervento di chiusura del frame ovale e' una banalità' ed ora lei lo ha risolto.
Quindi parlo ad un paziente con il cuore sano.

Lei dice, con orgoglio: "Corro con un cardiofrequenzimetro e dopo 5 minuti sono a 160 bpm e cerco di mantenerli per tutto il tempo con oscillazioni di +-5 bpm."

Io non so chi si quell'idiota che le abbia consigliato quei ritmi , se sia laureato o meno o se lei lo abbia letto su internet. Ma quelle sono frequenze che conviene raggiungere, a mio modesto avviso, per qualcosa di meglio che correndo (che so un rapporto sessuale ? una vincita all'enalotto?) e comunque per un breve lasso di tempo.

Per farmi comprendere meglio le faccio il solito esempio che faccio a tutti coloro i quali pensano che oltre lo sporto e lafatica non ci sia nient'altro al mondo: la sua auto , in autostrada, raggiunge i 130 km/h a 3000 giri al minuto . La mia domanda e': perché non va a 130 orari in terza?

La saluto.

cecchini
[#5] dopo  
Utente 202XXX

Iscritto dal 2011
Gentili dottori vi ringrazio per le risposte.
Dopo l'ischemia e l'operazione di chiusura pfo oltre a depressione ero davvero diventato una persona che dopo 10 minuti di camminata mi senti stanco e questo mi portava ad avere ulteriori crisi di panico con ovvia tachicardia.
Ho deciso in autonomia di fare qualcosa per me oltre ad andare da uno psicologo che tutt'ora mi segue.
Ho cominciato camminando (davvero solo 10 minuti) fino ad arrivare a correre.
All'inizio 5 minuti poi 10 poi leggevo i km..
Ora questa attività mi da un sacco di carica positiva e quando mi sento in affanno la interrompo e cammino.
Pensavo lo sport fosse propedeutico per il cuore, come dice lei non si sta a 130 in terza ma non si deve neanche girare sotto coppia se no un motore non abituato le due volte che fa l'amore rimane imballato.
Non ho personal trainer sono andato per ultra gradi date le mie paure. Che sport si può fare per rimanere sani? A me correre sfoga e piace. Cmq a breve farò una visita completa in centro sportivo e vi aggiorno
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei deve fare l'attivita' che piu' le piace: tenga presente che ogni motore ha un suo numero di giri e che tirrgli il collo non fa bene neppure al cuore piu sano.

La saluto

cecchini