Utente 280XXX
Buongiorno,
Da circa tre anni mi è stata diagnostica Alopecia androgenetica dopo una visita dermatologica. Inizialmente ho fatto per circa un anno minoxidil 5%. Poi ho avuto un periodo di circa 1 mese in cui ho avuto una forte perdita di capelli. Devo dire che in quel periodo ho attraverso un periodo di ansia. Sono tornato dal dermatologo e mi ha consigliato di provare cn finasteride e la sto prendendo da circa un anno anche se la perdita di capelli sta inesorabilmente continuando. Quello che volevo sapere principalmente è : nonostante la cura che sto seguendo, può essere l ansia la principale causa della caduta, o gli avrei persi comunque? Di recente sono stato in un centro tricologico più per curiosità. E secondo loro è l accesso di sebo che soffoca i capelli, ma mi hanno consigliato una delle loro cure mega costose e ho evitato. Potrei avere un vostro parere in merito e soprattutto su come procedere? Vale la pena continuare con finasteride o l eccesso di sebo davvero può essere la causa e va curato diversamente?
Vi ringrazio
[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
l'eccesso di sebo non è certamente il primum movens della alopecia androgenetica ,ma al massimo un cofattore, così come lo stress, che può essere un fattore importante , ma più per effluvi che per un defluvium in telogen con involuzione follicolare . Quest'ultimo è il processo che si verifica nella patologia predetta.
Se la diagnosi è corretta, come sarà, e si provvede ai cofattori da correggere ( con piu o menofacilita'), resta da aggredire i fattori principali , e in tal senso la finasteride è utile perché abbassa il DHT, responsabile della miniaturizzazione.
Non tutti però sono responsivi in pieno.
Anche il minox è utile perché dà maggiore energia al follicolo.
Oltre a queste vi sono altre sostanze , ma deve essere coordinato dal suo dermatologo.
Cordialità Dott.G.Griselli
[#2] dopo  
Utente 280XXX

Iscritto dal 2012
Perfetto la ringrazio per la Sua risposta. Per quanto riguarda novità nel settore esiste qualcosa che può stimolare una ricrescita? Ho letto di recente di uno studio ancora preliminare che sembra aver dato dei buoni riscontri utilizzando ruxolitinib e il tofacitinib. Lei per caso ne sa qualcosa a riguardo?
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Riguarda un'altra patologia , l'alopecia areata, non la alopecia androgenetica.
Tra le news potrà trovare comunque molto materiale.
Cordialità