Utente 351XXX
Salve a tutti
Vi racconto un po' brevemente
Ho febbre dal 30 di novembre (temperature che vanno dai 37 e mezzo ad un massimo di 38 e mezzo) voglio precisare che ho avuto due settimane prima mal di gola con decimi di febbre curato con l'antibiotico (quello che si prende per 3 giorni perdonatemi ma non ricordo il nome) tutto passato fino al giorno 30 che avevo una leggera febbricola ma ho deciso comunque di uscire da casa per andare a lavoro così come il 1 *... ora sono giorni che ho questa febbre che non passa più la sto curando con all'occorrenza tachipirina (solo se supera i 38 ieri è arrivata quasi a 39) e augunentin (questo è il terzo giorno di terapia che tra l'altro sistematicamente mi porta diarrea!) accompagnata da dolori alle gambe e muscolari , i primi giorni invece mal di testa pressione dietro alla nuca e vari fastidi....
il dottore mi ha visitato ieri (ghiandole linfonodi ok, pressione ok, battuti ok l'unica cosa gola arrossata e tonsille ingrossate ) dite sia il caso che mi faccia visitare in cospedale ? Oppure lansto curando male ???? Aiuto
[#1] dopo  
Dr. Raffaello Brunori
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
da cio' che descrivi, una ipotesi diagnostica potrebbe essere una mononucleosi. Direi, pertanto, di sottoporti ad un prelievo per EBV, citomegalovirus. Visti gli effetti collaterali dell'antibiotico che stai usando, forse sarebbe il caso di sostituirlo con un altro.
Attendo tue notizie in merito.
Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 351XXX

Iscritto dal 2014
Grazie per la risposta dottore ...
A questo punto vorrei porle un ultimo quesito, ho avuto il mio ultimo rapporto sessuale i primi di novembre (protetto) tranne rapporto orale (io a lui) con assenza di liquido precoitale (il ragazzo dice di non aver mainliquido precoitale non so se è possibile) inoltre dice di essere sano ... mica tutto ciò potrebbe essere hiv? Le preciso che per tre giorni sotto prescrizione del medico ho assunto anche delcortisone ,la febbre è per il momento scesa... se dovesse essere hiv non sarebbe scesa con nessun antipiretico? Nel caso dell'eventuale mononucleosi invece ??? Questa cosa mi spaventa molto ... comunque purtroppo ho letto questa risposta dopo aver fatto già colazione. Pertanto posso sottopormi lo stesso al prelievo o devo essere a digiuno? Un tampone faringeo potrebbe evidenziare comunque la presenza dell' eventuale mononucleosi? La ringrazio tantissimo!
[#3] dopo  
Dr. Raffaello Brunori
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Io sono sempre dell'idea che si tratti di mononucleosi e, per questo, occorre un prelievo per EBV e citomegalovirus. Poi, possiamo aggiungere il test dell' l'HIV, certo. L'HIV si trasmette attraverso il sangue, il liquido seminale, la secrezione vaginale. Se mai ti sei sottoposto al test, è bene farlo ora, in modo da avere una certezza ad oggi; tale test deve essere fatto possibilmente dopo ogni rapporto non protetto o solo orale con partner nuovi. Con il tampone faringeo si puo' solo appurare una infezione batterica o meno e, nel tuo caso, lo farei per capire la natura di questa febbre. Ovviamente, il tampone deve essere eseguito non prima di una decina di giorni dal termine della terapia antibiotica
Buona giornata
[#4] dopo  
Utente 351XXX

Iscritto dal 2014
Dottore le sue risposte sono sempre accuratissime ... le faccio solo un 'ultimo quesito poi la lascerò in pace! i sintomi dell'HIV non si sarebbero presentati così velocemente giusto? (Il mio PRIMO ed ULTIMO rapporto è avvenuto intorno all11 di novembre) febbre comparsa il 30 (o il 1 non ricordo) Il ragazzo ha detto di non aver liquido precoitale (è possibile ciò ?) in più di essere sano.......
il rapporto orale è durato molto molto poco non è stato approfondito !
Nel caso io facessi un test da solo (quello presente in farmacia) andrebbe bene ora ???
In più le faccio presente che ho perso "velocemente" peso... ciò confermerebbe vero la presenza della mononucleosi? 'Inscusi ma sonndavvero terrorizato
[#5] dopo  
Dr. Raffaello Brunori
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Durante il rapporto, ci si accorge o meno se il partner eiacula; il fatto che lui affermi di essere "sano" è fine a se stesso, come ben puoi comprendere. Certo, i sintomi dell'HIV non si manifestano in tempi cosi' ridotti. Visto che devi fare il prelievo per la mononucleosi, è bene farlo anche per l'hiv, poiché con gli altri sistemi non si puo' avere una sicurezza della negatività.
Vorrei esserti piu' di aiuto ma, senza un esame clinico, ho molti limiti, come ben puoi comprendere. Perché non ti rivolgi al tuo Medico di famiglia?
[#6] dopo  
Utente 351XXX

Iscritto dal 2014
certo che è fine a se stesso ha assolutamente ragione... La mia domanda era (siccome io non ne ho ne visto né sentito liquido) era se è possibile e confermare quanto detto dal ragazzo ovvero che non produce (non fuoriesce ecco) liquido precoitale! Perché in effetti io non ne ho visto... il fatto che i sintomi non si presentino così velocemente allora credo che più o meno è buono no? Grazie dottore comunque lei è davvero gentilissimo!
[#7] dopo  
Dr. Raffaello Brunori
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Vedo che non leggi bene quel che dico: non penso si tratti di HIV ma di mononucleosi. Cerca di tranquillizzarti. Comunque sia, prima della vera eiaculazione, fuoriesce il liquido prespermatico che ha la funzione di lubrificante. la sua fuoriuscita avviene in seguito all'eccitazione ed è prodotto da alcune ghiandole poste lungo le vie genitali maschili. E' quindi impossibile che non venga prodotto. Anche attraverso questo liquido si puo' avere una trasmissione virale. Ma che ti costa non fare il test? Almeno ti tranquillizzi!