Utente 763XXX
Gentili dottori.
Chiedo aiuto per un problema relativo a mia moglie. Circa due mesi fa ha fatto il vaccino contro la rosolia essendo in età fertile ma dopo un mese dal vaccino sono comparsi forti artralgie articolari (soprattutto polsi ginocchia ma anche schiena) accompagnate a frequenti mal di testa. Su consiglio del MMG ha fatto PCR, EMOCROMO e REUMATEST e i valori sono nella norma. A quella specialista dobbiamo rivolgerci (immunologo, reumatologo, altro)? Se fosse un problema reumatologico il Reuma test sarebbe stato alterato immagino..è possibile la formazione di un immunocomplesso con le IG della Rosolia a livello delle articolazioni? È possibile un problema di origine autoimmune (lei soffre di Retto colite Ulcerosa). Grazie mille davvero.
Saluti.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
se lei risiede in Italia sua moglie non ha potuto fare il vaccino monovalente contro la Rosolia ma o il trivalente (morbillo, parotite e rosolia) o il tetravalente (morbillo, parotite e rosolia e varicella).
Semplicemente perchè in italia non è commercializzato il monovalente e non so se la Farmacia Vaticana ancora lo venda.
In ogni caso le manifestazioni articolari, tipiche del vaccino rubeolico attenuato, possono manifestarsi fino a 42 gg dalla somministrazione dell'ultima dose di vaccino e non destano preoccupazione.
Ovvviamente se tali artralgie sono invalidanti, onde escludere che il vaccino non c'entri nulla ma sua moglie abbia, ad esempio, una Artrite Reumatoide sieronegativa, lo specialista di riferimento è l'Internista o il Reumatologo.
Anche perchè tra gli esami prescritti dal MMG non vedo la valutazione di alcun indice di flogosi, tranne la PCR. La formazione di immucomplessi che prepcipitano a livello articolare mi pare una ipotesi non reale: comunque sarebbe stato interessante valutare, molto semplicemente, se ci fosse consumo di Complemento. Ciò dovrebbe essere ben noto al MMG.....
Mi faccia pure sapere, se vuole.
Cordialità.
Dott. Caldarola.

[#2] dopo  
Utente 763XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille. Gentilissimo e celere nella risposta. Il vaccino a cui mi riferisco è il trivalente (mi sono espresso male). Per consumo del complemento intende VES o che? Purtroppo il MMG non ha capito un granché e non ci ha saputo indirizzare nello specifico nemmeno dalo specialista più indicato ad affrontare tale situazione. I dolori sono piuttosto forti (anche se la percezione del dolore è soggettiva), tanto da doversi fermare se cammina o sedere se sta impiedi. Volevo anche chiedere come si valuta la possibilità di presenza di malattia autoimmune come artrite reumatoide e se anche in questo caso il reumatologo è lo specialista a cui rivolgersi.
Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
ci sono appositi esami di I e di II livello che il Reumatologo conosce bene per valutare la presenza di una condizione di autoimmunità.Si eseguono su prelievo di sangue.
Se la artralgia di sua moglie è tanto invalidante, non esiti a rivolgersi a un Reumatologo preparato.
Mi faccia poi sapere, se vorrà.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.