Utente 436XXX
Buongiorno, scrivo qui perchè parecchio confuso.
I primi di Dicembre mi reco dal dentista per effettuare la consueta pulizia di routine. Non ho un dentista di fiducia, lo scelgo di volta in volta sulla base di quello che al momento reputo più conveniente. Al termine della pulizia rileva un'infiltrazione di un'otturazione e mi dà un'appuntamento per curarla (costo 200 euro).
Ritenendo il costo eccessivamente caro decido di rivolgermi ad altri dentisti per avere conferma. Il primo cui mi rivolgo, individua anch'egli la medesima infiltrazione (130 euro) e un altra piccola carie al primo stadio (altri 80).
Vado da un altro ancora e individua due carie di lieve identità (diverse da quelle individuate dal dentista di cui sopra).
Vado da un altro (e ultimo) dentista, il quale sostiene di sostituire l'otturazione con una nuova non in amalgama e individua 3 cariette, sempre di lieve entità (solo una coincide con quelle che mi hanno diagnosticato sopra). Quest'ultimo dentista aveva l'attrezzo collegato ad un monitor led, con cui mi ha fotografato la carie davanti a me mentre mi visitava (dalle foto apparivano dei lievi puntini neri) . Totale 450 euro.
Posto che ho una scarsissima fiducia per la categoria dei dentisti per esperienze pregresse negative, sulla base di cosa decidere a cui affidarmi? Possibile che ci sia discrezionalità nel valutare una carie? I puntini neri che l'ultimo dentista mi ha mostrato sul led sono necessariamente carie?
E, infine, quale il prezzo onesto per trattare una carie di primo livello?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
www.medicitalia.it/blog/odontoiatria-e-odontostomatologia/546-scegliere-buon-dentista-criteri-empirici-valutazione.html

Ma se non ha fiducia nei dentisti, perché dovrebbe averne in quello che le racconto nell'articolo o le possono raccontare i miei colleghi?
Siamo dei dentisti...