Utente 390XXX
Salve, mia nonna ha 70 anni e da un pò di tempo ha gambe gonfie, doloranti con macchie.
Abbiamo fatto l'ecocolordoppler venoso arti inferiori, ecco l'esito:
L'esame ha evidenziato:
DESTRA: l'esame mostra discromie al tratto di stale di gamba, edema della cute e del sottocute della regione del terzo medio di coscia sino al dorso del piede, da stasi. Ectasica ed incontinente la VGS che mostra numerose varicosità e non totalmente compressibile il terzo medio distale di gamba come da tromboflebite. Il sistema profondo allo stato appare pervio con Cus negativa nei tratti esplorabili. Collaterali di coscia e di gamba incontinenti. Crosse safeno-poplitea pervia e incontinente. VPS pervia e incontinente.
SINISTRA: l'esame mostra discromie la trat odi stale di gamba, edema della cute e del sottocute della regione del terzo medio di coscia sino al dorso del piede, da stasi. Ectasica ed incontinente la VGS mostra numerose varicosità e non totalmente compressibile il terzo medio distale di gamba come da tromboflebite. Il sistema profondo allo stato appare pervio con Cus negativa nei tratti esplorabili. Collaterali di coscia e di gamba incontinenti. Crosse safeno-poplitea pervia e incontinente. VPS pervia e incontinente
Conclusioni: IVC di grado moderato-severo con presenza di varici, edema e discromie e associata tromboflebite. Necessaria valutazione specialistica e controllo dopo terapia a breve distanza.

ECODOPPLER ARTERIOSO ARTI INFERIORI
DESTRA: l'esame mostra la pervietà dell'asse femoro-popliteo con presenza tuttavia di diffusa ateromasia di parete, allo stato in assenza di placche emodinamicamente significative con profili di velocità di flusso ai limiti della norma, ATA E ATP pervie con profili di velocità di flusso ai limiti della norma.
SINISTRA: l'esame mostra la pervietà dell'asse femoro-popliteo con presenza tuttavia di diffusa ateromasia di parete, allo stato in assenza di placche emodinamicamente significative con profili di velocità di flusso ai limiti della norma, ATA E ATP pervie con profili di velocità di flusso ai limiti della norma.
Conclusioni: ateromasia diffusa in assenza di placche emodinamiche
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
l'esame così come descritto mette in evidenza un quadro avanzato di insufficienza venosa con varici complicato allo stato attuale da manifestazioni cutanee e fenomeni tromboflebitici.
È necessario che Sua Nonna si sottoponga ad un adeguato trattamento medico ed elastocompressivo e poi, una volta regredito il quadro acuto, valutare l'opportunità di un trattamento chirurgico al fine di prevenire ulteriori complicazioni.
[#2] dopo  
Utente 390XXX

Iscritto dal 2015
grazie mille per la celere risposta, sicuramente dovrà sottoporsi ad un trattamento medico e poi magari valutare un approccio chirurgico; grazie ancora per la disponibilità
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prego.
[#4] dopo  
Utente 390XXX

Iscritto dal 2015
Salve, scusate di nuovo il disturbo. Stamattina il medico di base ha letto il referto di mia nonna e le ha prescritto Clexane 6 siringhe 4000UI 0,4mL .
Però non ho capito bene come devono essere fatte queste siringhe, il medico ha detto che va fatta sottocutanea, che differenza c'è? Grazie
[#5] dopo  
Dr. Stefano Senatore
24% attività
0% attualità
12% socialità
VAREDO (MB)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Bisogna fare un pizzicotto e iniettare perpendicolarmente. Le direi comunque di farsi dare istruzioni dal suo medico o da un infermiere per darle modo di vedere direttamente la tecnica di iniezione.

Sicuramente il trattamento è con eparina anche se sei giorni mi sembrano un po' pochi, coi limiti di una valutazione a distanza.
[#6] dopo  
Utente 390XXX

Iscritto dal 2015
grazie mille per la risposta.
Mia nonna ha già fatto 4 punture di eparina ma non è cambiato ancora nulla; ha ancora gambe gonfie e doloranti.
Dopo quanto tempo cominciano a fare effetto le siringhe di eparina?
[#7] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Il decorso di una varicoflebite può essere anche molto lungo. La terapia va pertanto adeguata seguendone l'evoluzione.
Una valutazione clinica generale con esami di laboratorio potrebbe essere indicata per valutare eventuali condizioni concomitanti.