Utente 725XXX
Gentilissimi Dottori, ho 44 anni, e nei scorsi giorni ho dovuto fare , su consiglio del chirurgo, una gastroscopia, da che da vario tempo non riuscivo a mangiare per via del forte dolore allo stomaco/esofago, devo premettere che sono stata sleevata due volte, la prima volta a novembre 2014, dove dopo aver perso 21 kg i primi tre mesi poi nonostante sport e alimentazione corretta si è bloccato il metabolismo, mi hanno cosi riproposto un'ennesima slleve, avrei dovuto fare bypass, ma avendo una alta familarità con i tumori ( ne ho avuti tre) di cui mio padre tumore a stomaco ( nel 82 e 7 anni fa all'esofago a cui ha lasciato ilo buco, poi trovato 15 mesi dopo metastasi e decesso, mi hanno sconsigliato cosi il bypass perchè avrebbe reso difficile un'indagine e diagnosticare eventuale tumore allo stomaco;
Durante la gastroscopia mi hanno fatto 3 biopsie ( che stanno valutando e che avrò a giorni gli esiti definitivi) perchè riscontrato Esofago di Barret corto;
Vorrei chiedere, quali cure esistono? ho sentito del'intervento chirurgico, ma come sarebbe possibile, non avendo più la sacca gastrica? nella seconda sleeve è stata resettata completamente e stretto al max.

come potrò curarmi..sperando vi sia cura.
Grazie.
cordialmente, distinti saluti.
R.D

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
L'intervento chirurgico non è indicato per un barrett corto, che ha una bassa tendenza evolutiva. Se necessario può essere eseguito un trattamento endoscopicio. Legga un mio articolo:

http://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/1799-esofago-barrett-prevenzione-diagnosi-terapia-complicanza-tumorale.html

Cordialmente

Felice cosentino