Utente 639XXX
Buongiorno a tutti i dottori che gentilmente vorranno rispondermi. Sono una ragazza di 31 anni e da diversi mesi ho dei problemi ginecologi a causa delle mie basse difese immunitarie: prima la candida, poi thricomonas, adesso dal tampone sono risultata positiva a ureaplasma urealytim. Ogni cura effettuata in passato è stata fatta anche dal mio ragazzo anche se non ha mai eseguito esami per controllare se fosse stato contagiato da me o meno. Adesso mi sorge un dubbio: mi è stato prescritto l'antibiotico zitromax (1cps x 3gg da ripetere dopo 10gg). Non è stato affrontato l'argomento se farlo prenderlo anche al mio partner, ma dato che abbiamo rapporti non protetti per evitare un eventuale effetto ping pong mi sembrerebbe utile. C'è però un altro dubbio: io sono risultata sensibile all'azitromicina....e se lui lo prende ma fosse resistente? Mi date un consiglio? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
cara signora, è difficle che il suo ragazzo ne sia resistente, anche perchè la somministrazione è più preventiva che sintomatica se però ha dei dubbi ne parli con il suo medico.
[#2] dopo  
Utente 639XXX

Iscritto dal 2008
Mi è stato di grande aiuto. Convincerò per l'ennesima volta il mio ragazzo a prendere l'antibiotico... Finora non ha avuto problemi ma come ho scritto prima si tratta della 3° o 4° cura che faccio e che per prevenzione deve fare anche lui. Non è sempre facile far capire a una persona asintomatica che deve comunque effettuare la cura