Utente 422XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 33 anni.
Vorrei per favore un chiarimento: ho sentito stamane parlare della forte incidenza, aumento, del morbillo. Dicono che da adulti se si è contagiati, c'è un grave rischio di complicazioni. Io non ricordo, come non ricordano i miei genitori, se fui vaccinato contro il morbillo o meno. Cosa dovrei fare se voglio vaccinarmi? ovvero: non ricordando se fui vaccinato o meno, se ripeto il vaccino, a cosa vado incontro se già fui vaccinato?
C'è un rischio serio per gli adulti se colpiti da morbillo?

Grazie mille a tutti
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
il Morbillo è tutt'altro che un "piccolo morbo" come lascia intendere l'etimo. Ciò vale per i bambini e per gli adulti.
Purtroppo la demenza di alcune campagne di disinformazione hanno portato i genitori a non far vaccinare i loro figli che sono in età pediatrica: io spero che non si faccia marcia indietro e non si corra a vaccinare i bambini quando ci saranno i primi casi di encefalite morbillosa, polmonite morbillosa e otite morbillosa.
Purtroppo l'Italia è un paese molto strano.
Tornando a lei: se fa il richiamo avendo già fatto la vaccinazione non succede nulla: idem se abbia avuto il morbillo da virus selvaggio e si dovesse vaccinare.
Sarebbe in entrambi i casi un richiamo.
Se poi vuole verificare la sua situazione sierologica è sufficiente valutare il titolo delle IgG antimorbillo: se sono a valori che garantiscono la copertura non deve fare asolutamente nulla.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 422XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille per ogni delucidazione dr. Caldarola.
Mi farò allora prescrivere il tutto dal mio medico curante, per vedere se sono coperto o meno. Grazie nuovamente.

Distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Di nulla.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 422XXX

Iscritto dal 2016
Dr. buonasera. Il mio medico curante mi ha prescritto l'esame che farò nella giornata di domani, per vedere se ho gli anticorpi per prevenire il morbillo. Una domanda: io sono intollerante al lattosio; qualora dovessi fare il vaccino contro il morbillo, questa mia intolleranza potrebbe causarmi dei problemi o posso vaccinarmi tranquillamente? Chiedo direttamente a Lei giacché non voglio andare in internet a cercare informazione che, come capita sul web, potrebbero poi rivelarsi informazioni fuorvianti.

Grazie mille,
buona serata e buon lavoro
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve
l'intolleranza al lattosio NON costituisce una controindicazione alla inoculazione di qualsiasi vaccino, e nel suo caso di quello antimorbilloso.
Si tranquillizzi.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#6] dopo  
Utente 422XXX

Iscritto dal 2016
Dr. mi perdoni nuovamente se rompo. Causa problemi familiari sono stato impossibilitato oggi nell'andare a fare le analisi che le avevo detto. Avrei una domanda: per contrarre il morbillo, stavo leggendo che è semplice perché vive circa due ore nell'aria. Stavo però leggendo che fra gli adulti è più raro perché noi abbiamo degli anticorpi in grado di combatterlo. So che molti che potrebbero contagiare sono bimbi. Non stando io a contatto con i bimbi, ma la mia fidanzata sì per lavoro, potrei prendere il morbillo stando io in contatto con lei? il contagio è come per la meningite? ovvero solo se a stretto contatto? o come funziona?

Mi scusi dr.
Grazie di nuovo e buona giornata
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
guardi il linguaggio da Bar lo usi al bar e non rivolgendosi ad un professionista che le risponde su un sito di professionisti.
Tanto premesso, se sua moglie è immune al morbillo non può fungere da portatore sano nei suoi confronti.
Tuttavia se lei è immunologicamente "vegine" nessuno le assicura che accidentalmente lei venga in contatto con un soggetto che ha morbillo in fase catarrale, quando sembra un importante raffreddore e si infetti immediatamente.
Il morbillo e la varicella sono infatti le due malattie più facilmente trasmissibili per via aerea in assoluto: basta un contatto di pochi secondi.
Cordialità,
Dott. Caldarola.