Utente 231XXX
Buonasera,
scrivo per mio padre, uomo di 65 anni.
Da circa tre anni ha perso peso che non riesce a riacquistare se non transitoriamente. La perdita di peso è iniziata contestualmente a seri problemi lavorativi e alla necessità di portare una protesi dentale mobile, che gli ha causato diversi problemi di masticazione.
Il medico di base gli ha prescritto analisi di sangue e urine, e tutto è risultato nella norma.
Qualche giorno fa ha ripetuto analisi di sangue ed urine ed ha il colesterolo basso. Mi sono ricordata che una collega ha scoperto un cancro proprio allarmata dai bassi livelli di colesterolo e non ho potuto non pensarci.
Il medico di base continua a dire che tutto va benissimo, che "magari tutti avessimo analisi così" e non prescrive ulteriori accertamenti.
Poi, pensando a questa cosa, mi vengono in mente altre cose come il fatto che a volte non digerisce bene, che ha dolori alla schiena...non so neanche se lui ha riferito queste cose al medico.
Insomma, sono preoccupata per la sua salute. Se gli dico qualcosa, mi dice che sono esagerata e non mi dà ascolto.
Il colesterolo basso va approfondito?
Che tipo di medico potrei consigliare a mio padre? (Internista, endocrinologo....)

Grazie se vorrete aiutarmi.

Cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Cara Signora,
le cause che possono spiegare il dimagramento ci sono ( lo stress, la protesi mobile alla quale non riesce ad abituarsi) : tanto meno è preoccupante questo calo di peso, che lei non riporta quantitativamente e se sia ingravescente o si sia attestato su un valore stabile, dal momento che lei riferisce anche che ci sono stati periodi in cui il peso suo padre lo ha riguadagnato.
Inoltre lei parla di colesterolo basso: ci sono individui che geneticamente hanno il colesterolo basso e sono spesso soggetti che vivono molto a lungo una serena grande vecchiaia.
Non quantifica tuttavia nè quanto sia basso questo colesterolo nè quali altri esami il Medico gli abbia prescritto per escludere patologie di qualunque tipo ( non esiste solo il cancro del pancreas e dello stomaco).
Ora, per darle un giudizio compiuto ho bisogno che lei ricopi fedelmente TUTTI gli esami che ha fatto suo padre e che non si dimentichi di riportare i valori di riferimento del laboratorio dato che non esiste purtroppo una standardizzazione dei valori stessi e delle metodiche.
Questo se vuole un mio parere che comunque resterà telematico.
Diversamente trovi per suo Padre un ottimo Internista, con esperienza ma non centenario, motivato e con la passione per la sua specialità, e lo porti a visita da lui: il collega lo valuterà e poi potrà decidere se e come completare il percorso diagnostico ed eventualemente se e quale terapia consigliargli.
Carissimi saluti,
Dott. Caldarola.