Utente 449XXX
Salve a tutti,il mio problema ebbe inizio quando a Dicembre 2014 ebbi una bella batosta di influenza con tosse raffreddore e placche in gola infiammate,il medico curante siccome la febbre non scendeva oltre all'antibiotico che già avevo di nome Cefixoral mi dovette somministrare anche un antibiotico in punture che sarebbe da prendere in endovena,sono andato in pronto soccorso e mi dissero di continuare con quei due antibiotici aggiungendo un aereosol chiamato Prontinal,la settimana prima di Natale guarisco bene e mi passa tutto,nelle vacanze cerco di mangiare di più ma il peso da 82 kg scende sui 75 kg.Ad aprile 2015 mi prende un virus forte di vomito e diarrea che il mattino seguente non avevo già più niente,mangiando leggero e assumendo cibi giusti.Preoccupato di questa perdita di peso da 82 kg a 75 kg sono andato in pronto soccorso e ho fatto visite per la tiroide,e risulta tutto buono alla tiroide e alla gola,mi hanno palpato la parte dell'apparato digestivo e risulta nessuna organomegalia.Ad occhio e croce però m'accorgò che il peso fa fatica a salire,non scende,ma rimane immobile sui 75 kg e fatica molto a salire.Ho svolto persino esami delle urine di cui risulta tutto bene tranne questi ( 2 leucociti,1 eritrociti,
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
se il peso non scende più e la funzione tiroidea è normale, credo che non debba preoccuparsi più di tanto.
Anche l'ansia può far perdere peso.
Buona domenica,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
449256

dal 2018
Grazie mille ma io chiedevo i possibili fattori e cause da cui dipende e cosa potrei fare o prendere ? E condizioni necessarie per avere uno stato di salute più equilibrato e più migliore !
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
le consiglio, anche a beneficio dei colleghi di MI a cui potrà rivolgersi in futuro, di aggiornare i dato del suo account segnando 75kg come peso e la giusta altezza. Non lo chiediamo per farci i fatti vostri ma perchè è importante quando ci ponete i consulti avere dati sempre veritieri e aggiornati.
In quanto al suo calo di peso, peraltro non progressivo perchè si è fermato e non è più andato oltre, evenienza questa che avrebbe preoccupato assai di più, può essere dovuto a una pletora di motivazioni fisiopatologiche che chi la cura, cioè chi ha la possibilità di visitarla, aveva e ha tutt'ora il dovere, di valutare adeguatamente.
L'assenza di organomegalia, rilevata in P.S. ( ed è già strano che un Paziente si rivolga al P.S. per un calo di peso) se ottenuta da una valutazione semeiotica accurata - diciamo fatta "ad arte", è già un elemento securizzante che può essere integrato con una banale ecografia dell'addome.
Oltre che la funzionalità tiroidea, con la valutazione di FT4 e TSH, ci sono da escludere cause di malassorbimento di varia natura, con un esame chimico fisico delle feci, una cattiva funzionalità pancretica con test ematochimici e con la valutazione del potere triptico e dell'elastasi fecale.....
C'è da escludere la possibilità di una celiachia subclinica, dapprima con i test su sangue e se è il caso con una biopsia duodenale in corso di gastroscopia.
Mi fermo qui perchè se lei vuole accertare il motivo per il quale non ingrassa, a prescindere dal particolare che io non conosco quante calorie introduca al giorno e quante ne bruci giornalmente con la sua attività, non è possibile ottenere ulteriori risposte puntuali per via telematica nè è lo scopo per cui MI+ esiste: il sito esiste per darle degli input e nel suo caso, dato che lei è molto preoccupato dei suoi 75 Kg, io le fornisco quello di recarsi da un ottimo Internista non virtuale, il quale le farà un'anamnesi accurata, la visiterà, le programmerà un percorso diagnostico sulla base della visita e finalmente potrà giungere ad una diagnosi di certezza.
Che potrebbe essere semplicemente una costituzione longilinea e una magrezza costituzionale, quindi delle sue caratteristiche e non delle malattie.
Questo è tutto quello che le posso dire: in scienza e coscienza.
Altro per questa via virtuale non è dato di fare, del che mi spiace molto.
Io personalmente la invito alla tranquillità perchè credo proprio che lei non abbia nulla: ad ogni modo la soluzione gliel'ho suggerita e se vorrà potrà farne uso.
Resto a disposizione se vorrà darmi notizie e la saluto caramente.
Dott. Caldarola.