Utente 914XXX

salve, ho mia madre di soli 48 anni con tumore al colon scoperto 3 mesi fa di ben 8 cm. Domani conclude 25 sedute di radioterapia, ma oggi, dal risultato della tac pare che il tumore si sia allargato perchè ha avuto due fistole una interna ed ora una esterna da cui perde molto pus che non hanno permesso bene alle radiazioni di arrivare sul punto da colpire,e un pò perchè ha interrotto le sedute per via di influenza,valori bassi e anemia. Adesso hanno detto che la situazione è più che seria e optano per un intervento con una grossa pulizia sulla parte. Volevo solo un consiglio se è stata giusta la procedura usata sino ad ora e se ci sono altre soluzioni. Grazie in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Donato De Giorgi
24% attività
4% attualità
12% socialità
COPERTINO (LE)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
non posso che confermarle - purtroppo - che la situazione clinica (dai dati che ci fornisce) sia particolarmente delicata. In effetti sembra di capire che la chirurgia, con finalità "citoriduttive" (cioè ridimensionare la massa neoplastica e rendendo più efficaci le eventuali ulteriori terapie) e con il tentativo di migliorare la qualità di vità (presenza di fistole), sembra la scelta più idonea e forse obbligata, anche se non risolutiva. Per valutare la complessità della situazione è però necessario avere ulteriori dati (la localizzazione della neoplasia - probabilmente il retto, la presenza di eventuali metastasi a distanza, le condizioni genrali). Tuttavia da quello che ci comunica posso dirle senz'altro di affidarsi con fiducia ai sanitari che stanno curando sua madre adeguatamente anche se con pochi risultati sin qui, considerando che in ogni caso bisogna avere chiaro l'obbiettivo che realisticamente bisogna prefiggersi: questo non sempre è guarire, ma sempre è curare al meglio!
Ci farà sapere. Le siamo vicini.
[#2] dopo  
Utente 914XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio enormemente per la sua risposta, le farò tra l'altro sapere a scopo informativo per quanto riguarda la localizzazione. Purtroppo dalla fistola esterna che ora ha continua a perdere del pus e a quanto pare è anche per questo che la radioterapia non ha portato riduzioni. Vorrano operarla a quanto pare a Bari, ma c'è speranza che con un intervento e con sedute di chemioterapia successivamente la situazione migliori? la ringrazio enormemente ancora
[#3] dopo  
Dr. Donato De Giorgi
24% attività
4% attualità
12% socialità
COPERTINO (LE)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gent.ma Sig.ra,
la speranza è spesso alla base dei nostri atti chirurgici e la premessa per chi si affida ad essi. Ritengo che se sarà possibile intervenire e se non vi saranno complicanze, la situazione sicuramente migliorerà. Il Centro cui si è rivolta, peraltro, le offre la garanzia di un riferimento d'eccellenza.
Auguri!!