Utente 874XXX
A mio padre di anni 72, in seguito ad accertamenti clinici, è stato diagnosticato un adeno-carcinoma al colon destro. In data 06/10/2008 è stato sottoposto ad intervento chirurgico con resezione ileo-colica.
Il referto dell’esame istologico è il seguente:
Resezione ileo-colica di cm. 25 (campione pervenuto aperto e fissato): ileo di cm. 8, colon di cm. 17, appendice di cm 6. A cm 4 dal margine di resezione colico è presente neoformazione di aspetto polipoide, centralmente ulcerata di cm 5,5x4 infiltrante la parte.
Dal cellulare adiposo si isolano n. 14 linfonodi.
Prelievi: neof. Massima infiltrazione (= AB), neof. Mucosa adiacente (C), margine di resezione polipo (D), margine di resezione ileale (E), appendice (F), linfonodi (GHIL).
Diagnosi: ADENOCARCINOMA DEL GROSSO INTESTINO SCARSAMENTE DIFFERENZIATO (G3), SUPERFICIALMENTE ULCERATO ED INFILTRANTE LA TONACA MUSCOLARE E FOCALMENTE IL CELLULARE ADIPOSO PERIVISCERALE (SOTTOSIEROSA)
La neoplasia presenta focali aspetti mucinosi, foci di necrosi ed intensi fenomeni di fibrosclerosi con discreta flogosi linfocitaria. Appendice sede di piccolo polipo iperplastico. Margini di resezione indenni. Esenti da neoplasie i 14 linfonodi isolati.

Stadio patologico: p T3 NO
Le indagini di immunoistochimica per EGFR hanno dato esito POSITIVO.

Vorrei cortesemente sapere di che tipo di tumore si tratta, se è consigliata/necessaria chemioterapia o radioterapia tenendo presente che mio padre ha un enfisema polmonare da 20 anni con respirazione ridotta dell’80% e un aneurisma all’aorta ascendente di circa cm. 5.
La TAC addominale e toracica non ha evidenziato ad oggi metastasi.
Che possibilità ci potrebbero essere di metastasi e in che tempi.


[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Lo stadio di suo padre è un B2 e potrebbe, considerati i dati ad oggi inpossesso, l'età e le comorbidità, valutare anche l'ipotesi di un follow-up esclusivo (di questo ne parli con gli oncologi che lo hanno in cura per valutare eventuali situazioni di rischio).
La radioterapia si attua per le neoplasie rettali ... quì siamo dall'altra parte, pertanto non necessaria.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)