Utente 451XXX
Gentili Dottori,
mio padre, uomo di 71 anni, forte fumatore, ha eseguito una tac con contrasto per controllo dopo 6 mese dalla radioterapia per nodulo polmonare per il quale non ha potuto eseguire biopsia nè tantomeno l'intervento chirurgico a causa di concomitanti problemi di salute...Questo è l'esito:
Al controllo odierno si segnala un incremento dimensionale dell'area consolidativa solida dotata di
enhancement dopo somministrazione di m.d.c. localizzata al lobo superiore di sinistra che attualmente si
estende maggiormente in sede perilare e lungo le strutture bronco vasali per il segmento apico-dorsale e
anteriore del lobo corrispondente di verosimile natura eteroplastica. Si associano sfumate aree di ground
glass del parenchima adiacente e verosimili fenomeni atelettasici-disventilatori con strie fibrotiche di
raccordo pleurico al lobo superiore sinistro, e in minor misura al segmento apicale del lobo inferiore in
sede mediale, possibile espressione di associai esiti post attinici che comunque richiedono monitoraggio
evolutivo.
Si associa inoltre la comparsa di alcuni micronoduli al polmone sinistro non caratterizzabili per le esigue
dimensioni.
Al lobo inferiore destro si segnala maggiormente evidente rispetto al precedente esame un focale tralcio
di ispessimento parenchimale a profili finemente spiculati lungo il profilo antero-laterale di una bolla
enfisematosa che richiede monitoraggio evolutivo.
Non versamenti pleurici.
Sostanzialmente invariati i linfonodi ilo-mediastinici di cui si segnalano le maggiori alla finestra
aorto-polmonare e 15 x 7 mm, paraortica sinistra 9 x 6 mm, a pareti 12 x 10 mm mediastinica superiore
al 10 x 7 mm.
La tac fatta invece il 04/08/2016 quando si scoprì il nodulo polmonare era questa:
Indagine eseguita prima e dopo somministrazione endovenosa di mezzo di contrasto.
Indagine TC consente di riconoscere in sede ilare a sinistra lesione neoformata rotondeggiante, a densità
disomogenea di 25 x 25x 37 mm a profili spiculati, disomogena, con irregolari spiculature che la
congiungono con il comparto pleurico irregolarmente ispessito sia sul versante anteriore che laterale dove
si apprezza ulteriore formazione nodulare di 16 mm .
Diversi linfonodi in sede mediastinica del diametro massimo di oltre 13 millimetri. Non segni di versamento
pleurico in atto.
Dottori, cosa vuol dire? Che cambiamenti ci sono stati? Io da quel pò che ho capito il quadro è peggiorato....Illuminatemi...
Manca ancora una settimana all'appuntamento con il chirurgo toracico e siamo molto in ansia.
Grazie a chi vorrà rispondrmi.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile signore purtroppo ha ragione, il tumore polmonare si sta ingrandendo e diffondendo verso la parte centrale del polmone. Purtroppo la radioterapia sembra non essere particolarmente efficace. Se non è possibile fare altro purtroppo non c'è soluzione più efficace. Mi dispiace. Cordialmente
gerunda
[#2] dopo  
Utente 451XXX

Iscritto dal 2017
Gentilissimo Dottor Gerunda, la ringrazio per avermi risposto. Io ho sentito parlare anche di termoablazione, secondo lei può essere efficace nel suddetto caso? Nella tac si parla anche del polmone destro, ma non è chiaro se ci sia un altro tumore anche lì, Lei cosa ne pensa? Possono essere metastasi anche al destro? La ringrazio anticipatamente.
[#3] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
gentile signore la termoablazione è una procedura che può essere effettuata se il nodulo è unico e di dimensioni non superiori a 3 cm. Al momento il tumore sembra aver aumentato le dimensioni e la diffusione in particolare in vicinanza di strutture vascolari. Bisogna vedere se la termoablazione è tecnicamente possibile dopo radioterapia e in così stretta vicinanza ai grossi vasi. La nodulia (ground glass)al pomone di destra e le aree fibrotiche a quello di sinistra potrebbe essere dovute a metastasi o anche a esiti della terapia radiante. Bisogna che sia il medico curante che valuta queste situazioni.
cari saluti gerunda
[#4] dopo  
Utente 451XXX

Iscritto dal 2017
Grazie infinite per la sua celere e cordiale risposta.
Cari saluti,
Laura B.