Utente 452XXX
Buonasera, in data 19/05/2017 ho avuto un incidente domestico con un vetro di una finestra... Che mi ha reciso il polso della mano dx, un taglio di circa 5cm dritto che arriva fino all'inicio del palmo della mano. Recatomi subito al pronto soccorso della mia città vengo suturato e trasferito il giorno seguente al San Camillo Forlanini per consulenza da parte dei chirurghi della mano, con prognosi "sospetta lesione flessori quinto dito" (nella mia città non avevano le competenze professionali per fare una diagnosi ben precisa e risolvere il problema). Il mio problema era il seguente: a mano rilassata, il quinto dito assumeva una posizione tesa, rimaneva del tutto dritto invece di tenere una curvatura come le altre dita. E non riuscivo a fare la flessione profonda, ma quella superficiale riusciva benissimo. Mentre, facendo il pugno con la mano riuscivo a fare sia la flessione profonda che quella superficiale! Assurdo mi domandai...


Il giorno seguente alla consulenza presso l'azienda ospedaliera ,anch'essi un po titubanti non riuscirono a trovare con certezza il problema, era sabato. E mi mandarono via con obbligo di tenere l'arto in scarico fino a martedi ,giorno in cui mi rivisitarono per vedere se ci fossero stati miglioramenti (il sabato mi fecero un filmato con vari test di sensibilità e prese varie, da comparare poi martedì)

Il martedi torno, mi fecero vedere da un altro professionista che il sabato non era presente, e disse di aver capito il problema (non saprei spiegare sinceramente.. capii soltanto che il quinto dito veniva "trascinato" dal quarto dito. Mi medicano la ferita, facendomi tornare il martedi seguente. Giorno in cui avviarono le procedure di preospedalizzazione per riaprire la ferita e vedere il danno.

sono stato ricoverato in data 08/06/2017 , operato il mattino seguente e dimesso il pomeriggio. Hanno trovato lesione FS e FP del quinto dito. L'intervento è stato quindi una tenorrafia di tali tendini. Dopo circa 30 minuti, finito l'intervento mi viene applicato una striscia di gesso per immobilizzare il polso in posizione piegata in avanti, comu un uncino. Dovrò tenerlo per 25 giorni poi fare fisioterapia... Ho chiesto se riprenderò tutte le funzioni di prima e mi hanno confermato di si (alla fine, a parte il quinto dito la mano e le altre dita funzionavano benissimo) solo che io essendo un ragazzo ansiosissimo, adesso mi trovo questa mano ingessata e molto dolorante, provo dolore su tutte le dita se provo a flettere un pochino (vista la posizione che mi è stata applicata, e quasi impossibile fare un pugno) però fatto sta che ora mi fanno male tutte e se provo a muoverle con l'altra mano vedo le stelle... provo anche formicolio sul quarto e quinto dito. Vorrei sapere anticipatamente per tranquillizarmi se è un effetto post operatorio che rientra nella normalità oppure no... domani ho la medicazione e parlerò con il chirurgo.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr.ssa Marina Faccio
24% attività
8% attualità
0% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2017
Buonasera,
solo il chirurgo che l’ha operata conosce il danno che ha subito e il tipo di intervento che ha eseguito. Le consiglio comunque di stare a riposo e di seguire le indicazioni del suo medico, quindi non forzi la mobilizzazione se le provoca dolore.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 452XXX

Iscritto dal 2017
Grazie della risposta dottoressa...

Si, ovviamente solo il chirurgo che mi ha operato conosce il danno che ho subito... chiedevo soltanto chiarimenti magari generici da altri professionisti vista la difficoltà che ho nel comunicare con il medico...

Ad oggi sono passati 5 giorni dall'intervento ed ancora avverto un dolore lancinante che va e viene... il medico di base mi ha prescritto Contramal per il dolore.

Vorrei infine chiedere se fosse normale che sento tutte le dita "bloccate" e doloranti... faccio fatica a fletterle di poco. Inoltre, mobilizzazione passiva posso eseguirla pian piano o devo attendere la rimozione del gesso? Martedì vedrò di nuovo i medici per la medicazione...
[#3] dopo  
Dr.ssa Marina Faccio
24% attività
8% attualità
0% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2017
Buonasera,
è normale il dolore nei primi giorni post-operatori: per evitarlo è importante tenere l'arto in scarico (sollevato al di sopra del livello del cuore) e, al bisogno, assumere antidolorifici.
La mobilizzazione va iniziata in base alle indicazioni del chirurgo, considerando il tipo di sutura che è stato effettuato per la tenorrafia. In genere si preferisce una mobilizzazione passiva precoce, per scongiurare le aderenze.
Buona serata
[#4] dopo  
Utente 452XXX

Iscritto dal 2017
buongiorno, ad oggi dopo 24 giorni di fisioterapia (5 sedute) la mano si e sbloccata completamente, l'uniuco problema è appunto il quinto dito. Non si flesse del tutto, arrivo a metà della sua corsa e si blocca, trovo come un muro davanti, senzo che il consenso c'è, provo ad applicare una forza incredibile e di un decimo di millimetro continua a flettere ma proprio non va oltre. Il fisioterapista ha detto di provare a continuare altre 2 settimane e nel caso non migliora di farmi rivedere dal chirurgo che mi ha operato, perchè potrebbe essere il nervo... Ma mi chiedo, un intervento cosi apparentemente semplice che ha impiegato appena 20 minuti, se il nervo era lesionato il chirurgo non lo avrebbe notato? non può essere soltanto un aderenza sottocutanea che impedisce lo scorrimento del tendine?

Inoltre ho sudorazione eccessiva al palmo della mano operata ed a mano a riposo, aperta, il quinto dito rimane piu esteso, quasi completamente. Non assume una flessione normale come le altre dita
[#5] dopo  
Dr.ssa Marina Faccio
24% attività
8% attualità
0% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2017
Buongiorno,
un problema di tipo nervoso si manifesta, a seconda del nervo coinvolto, con formicolii fino all’assenza di sensibilità o all’impotenza funzionale, cioè all’incapacità di muovere il muscolo. E questo non mi sembra il suo caso. E’ importante continuare le mobilizzazioni attive, passive ed assistite del dito, senza forzarlo al dolore, concentrandosi sul movimento di tutte le articolazioni. Le mobilizzazioni devono essere delicate, ma efficaci. Associ al movimento anche il massaggio per ridurre il gonfiore e le aderenze possibili. Al termine degli esercizi applichi il ghiaccio.
Le consiglio comunque un controllo dal chirurgo che l’ha operata.
Ci tenga aggiornati,
Saluti.