Utente 454XXX
Buonasera sono un ragazzo.di 31 anni . tramite ecografia hanno riscontrato ipoplasia renale destra e visibile tessuto cicatriziale .In seguito ad analisi del sangue ho riscontrato di avere la creatininemia alta 1,62 nel 2014 -clearance della creatinina 53ml- altri analisi nel triennio creatinina intorno 1,45-1,52 Clearence creatinina a 80ml ultimo effettuato. Ho fatto la scintigrafia renale dinamica che conferma.lieve screzio funzionale con funzionalità del rene dx al 32 per cento e a sinistra 67. Ho fatto la cistouretrografia minzionale con esito negativo. Azotemia nella norma urinicoltura negativa microalbuminuria nella norma tutto nella norma, tranne l uricemia che correggo con allopurinolo. Sono risultato borderline al batterio chlamydia presenti invece risultano gli anticorpi igg in quanto in passato ho avuto infezione nel.tratto genitale. Non ho sintomi di alcun genere. Mi domando a cosa vado incontro ? e vorrei capire la causa se di origine congenita o altro aiuterebbe a capire le cause che hanno provocato tutto cio? Grazie
[#1] dopo  
Dr. Giulio Malmusi
24% attività
12% attualità
12% socialità
SPILAMBERTO (MO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2011
L'interpretazione più PROBABILE è che lei abbia avuto in età infantile un reflusso vescico-ureterale, a destra, che ha impedito il normale accrescimento di quel rene; reflusso che poi è scomparso spontaneamente, lasciando un danno parziale: i valori che lei trascrive corrispondono alla funzione di un rene e mezzo. Con cui può condurre una vita del tutto normale; ma, sapendolo, può anticipare qualche mossa per prevenire un possibile deterioramento ulteriore, come: NON fumare; avere un'alimentazione NORMOproteica (non IPO ma neppure IPERproteica; misurare una volta all'anno la pressione arteriosa, e trattare una eventuale ipertensione.
[#2] dopo  
Utente 454XXX

Iscritto dal 2017
Dottore innanzitutto la ringrazio per la tempestività e la chiarezza con cui mi ha risposto. Volevo un parere da Lei in merito al fatto che svolgo un tipo di lavoro che mi tiene anche mesi fuori a bordo di unità navali e a volte si fa fatica a seguire un alimentazione adeguata per non parlare di eventuali rischi che si possono incorrere, detto questo Lei mi ha parlato di una vita normale posso stare tranquillo includendovi anche questo tipo di impiego? Lo so che è un aspetto strettamente personale ma avere un quadro piu chiaro senza ulteriori dubbi sarebbe di aiuto.Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giulio Malmusi
24% attività
12% attualità
12% socialità
SPILAMBERTO (MO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2011
Sì credo che per chiunque nella sua situazione renale le occasioni di "pericolo" siano la disidratazione -ad esempio se dopo sforzi fisici intensi che comportano molto sudore non si ha possibilità di reintegrare bevendo adeguatamente; oppure una alimentazione molto salata (che peraltro è cosa errata per tutti); ma il problema non è se queste situazioni avvengono saltuariamente, solo se sono continuative.
Non so quali siano le sue mansioni a bordo, ma se alterna diverse attività e ha turni di riposo accettabili non vedo problema.
[#4] dopo  
Utente 454XXX

Iscritto dal 2017
Buongiorno Dottore
Il nefrologo con cui sono sotto controllo mi ha prescritto oltre agli esami di routine per quanto precedentemente detto anche una visita urologica di approfondimento.
l 'urologo mi ha prescritto di fare una spermocoltura che è risultata positiva per la presenza di enterococcus faecalis 10 ^5.La mia domanda è qual'è la correlazione.che ci può essere dal punto di vista nefrologico con una possibile problematica di natura prostatica e a quali conseguenze può portare?
Grazie
[#5] dopo  
Dr. Giulio Malmusi
24% attività
12% attualità
12% socialità
SPILAMBERTO (MO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2011
No... curi la sua infezione prendendo la dose corretta di antibiotici (non eccessiva, considerata la sua funzione renale non ottimale)...
La prostata frena la funzione renale solo quando rende difficile lo svuoyamento della vescica.