Utente 458XXX
Buongiorno,

Sono un ragazzo di 29 anni e lavoro da 2 anni e 7 mesi come receptionist con contratto di apprendista in un hotel al piano all'interno di un edificio storico.Nel posto di lavoro è presente una moquette, credo installata nel 2011 e delle travi in legno sul soffitto di aspetto lucido e impregnato.Da quando iniziai a lavorare ho sempre avvertito un odore pungente quasi dolciastro nell'ambiente di lavoro e dopo circa 3 mesi mi iniziarono a venire una marea di brufoli sulle gambe tipo follicolite e sensazioni di nausea e urto del vomito appena uscito dal lavoro.In seguito rialzo della pressione arteriosa sempre nei limiti con vampate di calore,da 12 mesi difficoltà urinarie tipo poca pipì, voglia di urinare frequentemente, sensazione di pienezza nei reni e sensazione spiacevole e frustrante di non fare una minzione liberatoria anzi devo quasi spingere.Dopo la minzione si accentuano le vampate e mi si alza la pressione tipo 134 max 77 min.Permane quell'odore dolciastro da ormai 2 anni sulle mani e sui capelli almeno io lo sento non penso sia suggestione.Sempre stato sano pressione sul basso 110 65, pipì sempre urinato bene prima di questo lavoro.Creatinina cresciuta da 0,8 a 1,03 comunque sempre nei limiti.Sono preoccupato,sono convinto di respirare qualcosa di tossico lì dentro,pentaclorofenolo sostanze aromatiche della moquette.Quando sono stato 2 mesi in ferie la follicolite è scomparsa e i fastidi urinari migliorati.Mi sapreste dare un suggerimento sul come muovermi?andare all'INAIL?Anche un ragazzo che lavora lì e pulisce le camere accusa i miei stessi sintomi tranne quelli urinari e ha un ipoglicemia da causa ignota comparsa dopo 6 mesi a lavoro.Un'altra collega follicolite anche lei ed ha avuto un ascesso inguinale per questo motivo.Cosa potrebbe essere?

Cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività
8% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

in primo luogo vada dal suo medico curante e ne parli con lui, poi se è sottoposto a visita medica d'idoneità, ne parli anche con il medico del lavoro.

Cordiali saluti