Utente 478XXX
Salve
ho paura di essere a rischio.
Nel caso in cui mi sia tagliato(microtaglio) con una lametta di una persona di cui non conosco lo stato sierologico.1) se il sangue è secco posso essere comunque a rischio? 2)quale è la possibilità che, se la persona sia infetta, io prenda il virus? 3)quanti casi di infezione sono registrati in questo modo?
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
non riesco a capire le sue domande a cosa mirino.
Lei si è tagliato con una lametta e se si dove e come?
Se lei mi pone dei quesiti iniziando la richiesta di consulto con
"Nel caso in cui mi sia tagliato(microtaglio) con una lametta di una persona di cui non conosco lo stato sierologico..." poi mi chiede informazioni sul sangue secco e per concludere informazioni statistiche non va bene.
Sarò lieto di risponderle se mi esporrà che cosa esattamente le sia successo.
A presto.
Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 478XXX

Iscritto dal 2018
Ho effettuato una ceretta in un centro estetico. Alla fine per rimuovere i peli superflui l'estetista ha usato una lametta che non so se fosse nuova o usata. Non so se mi ha tagliato in quanto mi sono rivestito subito. La mia domanda é ho rischiato qualcosa?
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
ritengo proprio che non abbia rischiato nulla.
Si tranquillizzi.
Buona giornata.
Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 478XXX

Iscritto dal 2018
La ringrazio
Ma volevo farle un ultima domanda se mi è permesso: come mai ci sono un sacco di pareri discordanti su questo argomento (HIV intendo) nel mondo della medicina?
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Di nulla.
Tutte le domande sono permese.
Solo che non capisco a quali pareri fortemente discordanti lei si riferisca.
Voglio sperare che non si riferisca alla incertezza di essersi ferito con la lametta perchè quell'argomento attiene a sue fobie e non al mondo dell'infettivologia.
Saluti.
Caldarola.
[#6] dopo  
Utente 478XXX

Iscritto dal 2018
Mi riferisco alle modalità di trasmissione (compresa la lametta e gli strumenti taglienti)
Grazie mille e buona giornata
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
E dove trova queste diverse correnti di pensiero?
Se lei si ferisce realmente con una lametta sporca di sangue di un soggetto HIV positivo è ovvio che il rischio di trasmissione c'è e non deve essere ignorato.
Se durante una lite con un HIV positivo vi ferite entrambi con commistione di sangue il rischio c'è.
E' universalmente riconosciuto che tutti i tipi di rapporti sessuali debbano essere protetti dal profilattico, ben indossato e dall'inizio alla fine del rapporto.
Anche le fellatio insertive perchè non è affatto vero, nonostante alcuni medici lo affermino, che il rischio di trasmissione di HIV è inesistente.
Se questo fosse vero chi è di questa opinione non avrebbe difficoltà a meterlo per iscritto su carta intestata con timbro e firma.
Dubito che troverà un collega che le scriva questa dichiarazione al di la dei bla bla bla: se lo trova mi mandi una copia e io mi ricrederò.
Arrivederci.
Caldarola.
[#8] dopo  
Utente 478XXX

Iscritto dal 2018
Quindi nel mio caso non rischio nulla ed è solo la mia paranoia perché lei afferma che la ferita deve essere profonda e la lametta sporca di sangue per essere infettati?
[#9] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Esattamente.
In più le ricordo che lei non è nemmeno certo di essersi ferito.
Stia tranquillo: archivi la questione.
Buona giornata.
Caldarola.