Utente 397XXX
Salve dottori....
Non so se sia proprio il sito giusto in cui parlare di questo problema ma forse uno psocologo potrà consigliarmi...
Ho avuto una storia d'amore per ben 12 anni...storia molto tormentata ...difficile spiegarla ma soffrivo molto a causa di tante sue mancanze e non solo lui non mi apprezzava mai anzi al contrario mi faceva sentire sempre non all altezza....l'ultimo dei suoi pensieri..una donna che davvero poco valeva ..tanto che sono arrivata a tradirlo e da lì è stato anche peggio....anche perché è partito amo estero x lavoro e io stavo sempre peggio x le sue mancanze indifferenze e disprezzamenti....così dopo tanti anni di tentativi passati a fargli capire che potevamo essere felici se solo lui si fosse reso conto di queste mancanze ...alla fine mi sono rassegnata...ho chiuso la storia e sono stata malissimo....è stato un amore molto grande per me ....
Col tempo ho conosciuto quello che è il mio attuale compagno...mai mi sono sentita così felice e così amata ....è un ragazzo stupendo e abbiamo una bellissima relazione ..tant'è che tra 3 mesi ci sposiamo....ma da qualche mese il mio ex è tornato dicendo che mi ama ancora e che ha capito le mancanze acute che era immaturo ..che sta con un altra ma continua a pensare a me ...dice cose che mai mi ha detto..mi ha chiesto di vederlo.....è mi ha mandato in una terribile confusione...è ora ho paura di fare la cosa sbagliata....che mi sta succedendo......come capire cosa devo fare?
[#1] dopo  
Dr. Carla Maria Brunialti
40% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012

Gentile utente,

voler spostare indietro le lancette dell'orologio,
pensare di riannodare fili strappati con dolore,
molte volte è una terribile illusione che dura poco e lasciasolo macerie dietro di sè.
A meno che non facciano un impegnativo lavoro su di sè,
le persone non cambiato solo perchè "capiscono".

Ma siccome si tratta della Sua vita, oltre che di quella del Suo fidanzato,
affidarla ad un consulto on line mi sembra troppo poco,
troppo aleatorio considerato che il mezzo non permette la conoscenza diretta.
La oriento dunque vivamente a chiedere una valutazione/consulto psicologico di persona.
Ritiene di poterlo fare?

Carlamaria Brunialti