Utente 989XXX
salve!!
vorrei una delucidazione in merito ad un carcinoma polmone dx che nel mese di agosto hanno riscontrato a mio padre.
Mio padre ha 64 anni, ex fumatore (non fuma da ca 15 anni) ad agosto del 2008 gli hanno riscontrato tale patologia e dopo ca un mese è stato operato al cisanello a pisa... putroppo dalla pet vi erano delle zone con linfonodi interessati precisamente 22 su 40 analizzati.
Oggi sta facendo la chemioterapia a Catanzaro (è già al terzo ciclo). Appena terminata la chemioterapia deve fare anche alcune sedute di radioterapia non ancora quantificate.
Ad oggi non abbiamo fatto alcuna tac per verificare lo stato della malattia....mi chiedevo è possibile che nonostante la chemio ci siano meastasi in corso?
c' è una minima possibilità di guarigione o di stasi della malattia?
Lui sente forti dolore nella zona dell'addome...ha fatto anche un 'ecografia ma i risultati sembrano buoni!
tali dolori sono dovuti all'intervento o ad eventuale avanzamento del carcinoma?
Vi ringrazio sin d'ora per gli evuntuali dubbi che mi attanagliano e che riuscirete a cancellarmi.
[#1] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Se, da quello che lei dice, la malattia interessava molto estesamente i linfonodi del mediastino e lo stadio III è stato riconosciuto solo dopo l'intervento, sarebbe utile sapere se l'intervento è stato radicale, marginale o con residuo. La prognosi cambia molto.
In ogni caso un programma come quello in corso con chemioterapia (non ha indicato quale) e radioterapia ha l'obiettivo di dare il massimo possibile.
Se inserisce altri dati (stadiazione pre operatoria, istotipo, esito dell'intervento, chemioterapia, ecc...) sarà possibile dirle di più.
Tenga anche presente che se pone domande precise agli oncologi che lo seguono (che hanno tutti i dati in mano) potra da loro stessi ricevere tutte le spiegazioni.
Cordiali Saluti