Utente 628XXX
Buongiorno

Mio padre 81 anni è stato operato per inserire bypass a arteria femorale da ambo le gambe...la prima circa un anno fa, riuscita bene,mentre l'ultimo intervento eseguito i primi giorni di febbraio ha creato preblemi.
Preciso che in questo arto è presente protesi anca e ulcera al tallone con inizio di necrosi.
Il bypass ha funzionato bene per circa 10 giorni,poi si è occluso e a seguito di questo è stato eseguito un secondo intervento che pero' non ha portato benefici infatti la mattina seguente è stato riscontrato che era nuovamente occluso.
Il chirurgo mi ha spiegato che il flusso di sangue che arriva sotto il ginocchio è superiore a quello che puo' ancora essere distribuito nelle vene
della zona sottostante..........
Potete consigliarmi uno specialista un ospedale una clinica dove è possibile eseguire un ulteriore intervento magari con una tecnica + efficace.....

grazie


a.a.
Finale Ligure sv
xcestino@libero.it

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Ruggiero Curci
24% attività
0% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
la possibilità per un by pass di restare aperto e di funzionare è legata oltre che alla corretta tecnica di confezionamento, anche, e spesso soprattutto, alla possibilità che il sangue portato dal by pass abbia modo di defluire attraverso un "letto vascolare" a valle. D'altra parte il by pass dell'arto arto, credo di capire che funzioni correttamente a distanza di un anno.
Se questo letto vascolare non è disponibile o non è adeguato, è verosimile che il by pass in questione non potrà comunque restare aperto a lungo.
In alcuni casi, che vanno attentamente valutati e selezionati, è possibile tentare il salvataggio dell'arto mediante terapie quali lo stimolatore midollare, talora abbinato alla terapia medica con farmaci vasoattivi. Certamente i chirurghi a cui avete fatto riferimento sapranno consigliarvi in proposito.
Molti auguri.
R.Curci