Utente 100XXX
Gentile andrologi, in riferimento alla domanda sulle dimensioni peniene dell'Utente 101512 del 18 febbraio. Vorrei dare la mia esperienza di paziente.
E fare questa domanda:
perchè nelle email private le misure normali fornite dagli andrologi che vengono interpellati aumentano?
perchè le misure di normalità che vengono riferite negli ambulatori andrologici con visita diretta sono superiori?
Sono stato visitato sull'argomento da 3 andrologi diversi tutti soci della società italiana di andrologia.
Il giovane collega ( di insicurezza sulle misure) studente liceale ha riferito una media normale di 15-17 cm... esagerato? Non lo so... ma personalmente mi erano state indicate misure medie un pò SUPERIORI con tanto di testo di anatomia: TESTUT!!!
Scoprire poi nei forum che il maschio italico ha dimensioni diverse... mi viene un leggero dubbio...
Spero che prima o poi la società italina di andrologia si decida a fare una reale chierezza evitando così speculazioni.
Secondo il mio modo di vedere il comportamento sull'argomento di alcuni andrologi ( sottolineo alcuni)è discutibile e forse non sempre il problema è nella "fobia" od ossessione dei pazienti.
Forse alcune consulenze andrologiche che alcuni sventurati pazienti ricevono su questo argomento sono quantomeno dubbie e forse interessante.
Ottimo argomento da forum aperto alle risposte di più medici!

Grazie per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
rispondo a mio nome ed a nome degli andrologi di questo sito. Chiunque ci abbia chiesto le misure abbiamo sempre dato le stesse risposte, sia nelle e.mail private sia in quelle pubbliche come questa.
Peraltro la Società Italiana di Andrologia ha provveduto ad allontanare "allungatori" improvvisati. Quanto al Testut rimase di lui famosa la frase che sposo completamente. Una giovine studentessa chiese quali erano secondo lui le misure del pene ed egli rispose: "Quelle che vanno bene alla signora Testut".
La prego pertanto di evitare di usare certi termini provocatori nei nostri riguardi.
[#2] dopo  


dal 2009
Gentile Dott. Cavallini, sinceramente non credo di aver usato termini provocatori ne di aver leso la professionalità di nessuno.
Non era mia intenzione offendere.
Non credo di meritare una risposta di gruppo.
Ho fatto un discorso generale ed una constatazione personale.
Sulle email private , sui vostri siti internet ... sul fatto che tutti date le stesse indicazioni e i stessi numeri sono contento di apprendere che forse mi"sbaglio". Probabilmente non sono molto bravo in "matematica". Vista la presa di posizione collettiva non posso che adeguarmi. I pazienti hanno torto per definizione.
Sul discorso del Testut, la ringrazio per il simpatico aneddoto, ma la mia riflessione era altra e non sicuramente sul "pensiero" o sulle opinioni del Prof. Testut. Se un medico apre il "libro" o lo indica come riferimento... non credo per far trovare le domande delle giovani studentesse francesi ... ora nemmeno più tanto giovani! :-)
Ovviamente intedevo altro.
Credo che la SIA svolga un ruolo importante anche su questo argomento. Buon lavoro. Con stima.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

a questo punto mi inserisco anch'io in questo suo "nuovo" post rimandandole però le risposte già scritte nel suo precedente post sullo stesso argomento:

http://www.medicitalia.it/02it/consulto.asp?idpost=67190

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#4] dopo  


dal 2009
Grazie per le risposte.
Ho comprato e letto il libro divulgativo indicato.
Ottimo e interessante, grazie per il consiglio.
Non tratta comunque l'argomento in questione almeno dal mio punto di vista perquanto limitato.
Ho letto invece la tabella proposta dalla SIA dopo le settimene di prevenzione andrologiche con relativo studio antropometrico.
Il pene in flacidità non mi sembra possa dirsi dai 6 ai 10. Se poi uno ci somma i 8/9 cm...

Un dubbio sui dati il valore del volume medio del testicolo destro (15.8 cc) non è in linea con gli altri valori riportati nelle varie fasce di età. Leggendo i valori il volume medio non dovrebbe essere 15.8 cc ma circa 20cc.
Ho letto altre pubblicazioni sull'argomento come le review su "International Journal of Impotence Research" (e non solo) e vedo qualche errore ( secondo me!) nel riportare i dati di altri studi. Se qualcuno fosse interessanto a rivederle...

[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Il range ritenuto normale delle dimensioni testicolari ecografice è 14-20 cc.
[#6] dopo  


dal 2009
Grazie molto Dott. Cavallini e Dott. Beretta.

Sulle dimensioni testicolari facevo riferimento alla tabella SIA dopo le settimane di prevenzione andrologica. Probabilmente è un errore di stampa.

Sulla review intendevo: "penile size and..." e " Penile length is normal..." dell'IJIR.
Comunque siete stati chiarissimi e vi ringrazio. Non disturbo oltre.
Cordiali saluti.