Utente 278XXX
salve un giorno per caso ho scoperto un linfonodo all inguine nella zona dx. ho fatto l'ecografia risultava un linfonodo di circe 3,1 cm con presenza di linfonodi anche ascellari ed in altre zone. ho fatto terapia medica col ciproxim per 9 gionri ma la situazione nn e cambata. altra ecografia ha evidenziato che ora i linfonodi son due vicini e le domensioni totali di 3,2 cm. essendo in zona inguinale camminando ecc mi causa un po di dolore la cosa e nn cammino benissimo.
ho fatto un ago aspirato e svariate analisi del sangue. e hanno escluso tumori, linfomi e leucemie. dicono che è un fatto infiammatorio. ora pero son passate 3 settimane i linfonodi ci son ancora e sembrano 3 vicini e nn sembrao ne diminuiti ne aumentati di dimansioni. leggermente dolenti. in tutto questo periodo ho avuto la febbre 3 notti a 38,2 una volta il prulito e con la febbre mi son svegliato sudato.
sono in cura per l'epatite c con interferone e ribavirina dal 2004.
vorrei sapere secondo voi cos altro posso fare per capire a cosa son dovuti i linfonodi. se fossero infiammatori dovrebbero andarsene ma nn abbiam trovato la causa dell'infezione. inizio ad aver paura che ci sia altro di piu grave.... son un ragazzo di 27 anni e dopo la sorpresa dell epatite c son molto apprensivo. cerco solo di avere una diagnosi per potermi curare. spero che possiate essermi di aiuto e aiutarmi a trovare una soluzione il prima possibile.
grazie stefano.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
gentile signor stefano, il problema dovrebbe essere solo infiammatorio.
tutto quello che lei ha portato avanti finora avrà come conduttore un collega che l'avrà indirizzata e consigliata, al quale quindi si potrà ulteriormente rivolgere, per ulteriori informazioni. per eccesso potrei dirle che esiste la possibilità di eseguire l'asportazione di un linfonodo nella zona più agevole ed esteticamente più tollerata, per studiare in modo approfondito il tessuto linfonodale. tutto questo per dovere di cronaca, lungi dal fatto di porre io l'indicazione alla asportazione del linfonofodo. in bocca al lupo e ci faccia sapere.
[#2] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Anche per cause infiammatorie i linfonodi possono persistere ingrossati per lungo tempo e soprattutto se
la causa della infezione persiste.

La negatività dell'esame citologico non ha valore assoluto stante la possibilità di falsi negativi.

Le dimensioni dei linfonodi impongono sicuramente un approfondimento diagnostico anche se verosimilmente dal quadro che descrive si tratta di linfonodi reattivi.

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=40590

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/lifonodisentinella.htm

Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 278XXX

Iscritto dal 2007
vi ringrazio per le risposte il problema per ulteriori analisi è che dovrebbe venir fatta un'asportazione di un linfonodo, ma il chirurgo che mi ha visitato a tal proposito mi ha detto assolutamente per ora di non toglierli perche son tre uniti e quindi andrebbe tolto tutto il pacchetto facendo un taglio di circa 15 cm e rischiando, togliendo tanti linfonodi una linfonopatia con la gamba che si ingrossa. secondo lui stanno per colliquare, quindi dice aspettiam che tra poco scoppiano e al massimo incidiam per far uscire il pus.
ora, sperando che sian dati da un infezione e che quindi nn sia nulla di piu grave, se esplodon ma nn ho trovato la causa dell infezione non c'è il rischio che si riformino e ricomincia tutto da capo, visto anche che se non trovo la causa non riesco a curarla e quindi in linea teorica l infezione permane....
il citologico ha escluso i linfoma b perche non ha trovato nessuna componente b e anche il t perche la componente t trovata e compatibile coi limiti accettabili (tipo 30 unita). e mi hanno detto al massimo di rifare l esame tra sei mesi, ma se fosse una malittia grave come leucemie, tumori o linfomi non sarebbe meglio rifare gli esami il prima possibile?
vi ringrazio e mi scuso se magari sembrano domande da paranoico ma dopo quasi 4 settimane che ci son i linfonodi e senza nessuna diagnosi inizio ad avere qualche preoccupazione e timore.
che altri esami posso fare?...
l unico al momento otre l asportazione di un linfonodo da analizzare, che come detto sopra mi hanno sconsigliato, è la malattia da graffio di gatto che mi avevan escluso perche monolaterale mentre io quando era comparso il primo linfonodo grosso ne avevo altri attivi nel resto del corpo che son poi spariti....
spero di trovare presto una diagnosi e vi ringrazio per i vostri consigli e suggerimenti.
[#4] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
ce lo auguriamo anche noi. consideri che il chirurgo che l'ha visiata è l'unico in grado di poter decidere per il suo meglio.
cordiali saluti ed in bocca al lupo.
[#5] dopo  
Utente 278XXX

Iscritto dal 2007
allora posso dire che dopo 6 settimane i linfondi son colliquati e mi hanno estratto circa 3 cc di pus. il pus è stato fatto analizzare ed il risultato era negativo.
felice per la conclusione, nonostante non si sappia la causa, ho ricominciato la terapia per l'epatite c mercoledi scorso. son passati appena 4 giorni ed ecco la triste sorpresa: un linfonodo inguinale sempre nello stesso lato e praticamente sempre lo stesso da cui era inizata la cosa la volta prima. ora se scoppian e secernono pus non dovrebbero essere ne linfomi ne tumori o leucemie. ma il fatto che si subito ritornato nn mi consola... nel bugiardino dell interferone non c'è scritto nulla riguardo ai linfonodi. puo essere una forma di intolleranza a tale farmaco? e se si, visto che la terapia per l epatite c e una sola, posso continuare a farla avendo linfonodi che crescono, scoppiano e ritornano o devo per forza di cose smetterla?
vi ringrazio per i consigli che mi avete dato.
[#6] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Provi a riassumere tutto il quadro clinico e riposti nell'area MALATTIE INFETTIVE per fare il punto della situazione