Utente 152XXX
Salve, sono una ragazzo di 23 anni;circa 2 anni fa sentivo un lieve peso in regione inguinale...il mi omedico curante mi disse che avevo una piccola punta d'ernia...probabilmente dovuta ad un eccessivo sforzo in palestra.Era fine stagione quindi coincideva con il periodo di vacanza e quindi smisi di andare in palestra...
La situazione si normalizzò e trovò un suo equilibrio da sola nel corso dell'estate e poi nella stagione successiva tornai in palestra senza problemi...
Ora ,a distanza di due anni dal primo evento, ho percepito dopo un allenamento un vago peso ad entrambi i lati: come se avessi la percezione "dell'esistenza dei miei canali inguinali".
Il medico ha confermato e ha detto che ci sono due punte d'ernie che impegnano il canale inguinale se io faccio due colpetti di tosse..
Mi ha prescritto una visita da u chirurgo.....
Vorrei sapere ci sono probabilità che la situazione si ristabilizzi come due anni fà senza ricorrere ad un intervento chirurgico??
Ci sono dei muscoli che potrei potenziare con l'esercizio in palestra per evitare che fuoriescano ernie? Oppure potenziare gli addominali per prevenire l'erniazione di visceri addominali è solo una leggenda e sarebbe addirittura controproducente?
Nel caso che un intervanto sia indispensabile, il mio terrore è che il chirurgo mi proibirà di andare in palestra per il resto della mia vita...
La famosa plastica inguinale con retina è una procedura che oltre a semplificare le tempistiche del ricovero (che diviene così in regime "day-hospital")offre il minor tasso di recidive?
C'è la possibilità di continuare (dopo un certo periodo di tempo) ad andare in palestra??
Capisco che sembrerà stupido; ma ho smesso di fumare...conduco una vita pressochè sana...e vivo un grave disagio nel non poter fare a 23 anni tutto quello che fanno i miei coetanei e ad avere delle restrizioni di vita che hanno persone molto più in là con gli anni...
Vi ringrazio della comprensione e della vostra pazienza

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Omodei
24% attività
0% attualità
0% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2000
L'ernia inguinale può essere riparata SOLO mediante intervento chirurgico.
La plastica con rete è un intervento molto semplice che viene espletato in day-hospital.
Dopo circa 2 mesi, una volta completata la cicatrizzazione "interna", può continuare a fare palestra senza problemi.
Cordiali saluti
dr. Andrea Omodei
[#2] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Premesso che la valutazione di un Chirurgo è indispensabile per confermarela diagnosi,la presenza di un'ernia inguinale, a maggior ragione se bilaterale, impone di necessità il trattamento chirurgico. Una volta raggiunto il canale inguinale, la storia naturale di un'ernia è quella di aumentare sempre più di dimensioni e non vi è esercizio ginnico che possa risolvere il problema, anzi, temo che gli sforzi che mettono in tensione il muscoli addominali nel suo caso siano controproducenti. La riparazione effettutata con le metodiche attualmente in uso, se eseguite a regola d'arte, offre la massima garanzia di successo, con una incidenza minima di recidive. So che nella sua città ci sono eccellenti Chirurghi particolarmente dediti a questo tipo di Chirurgia. Lei riprenderà le sue attività ginniche nel giro di due-tre mesi. Certamente le sconsiglierei ad es. il sollevamento pesi a livello agonistico, ma tantissimi atleti, ad es. calciatori, riprendono la loro attività dopo una riparazione erniaria.
[#3] dopo  
Utente 152XXX

Iscritto dal 2006
Potreste indicarmi i nomi di Chirurghi nei quiali riponete la vostra fiducia che operano qui a Palermo...Mi rivolgo in particolare al riferimento fatto dal Dr. Lucio Piscitelli.
Grazie ancora
[#4] dopo  
Dr. Michele Schiano Di Visconte
20% attività
0% attualità
0% socialità
CONEGLIANO (TV)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2005
Gentile Signore,
è opportuno che Lei si sottoponga ad intervento chirurgico di ernioplastica inguinale bilaterale