Utente 324XXX
Gentili Dottori,
al mio partner è stata diagnosticata l'uretrite gonococcica. Gli è già stata somministrata l'iniezione di Rocefin + Doxiciclina per 7 giorni.
Premetto che abbiamo avuto rapporti protetti, ma la cosa non mi tranquilizza molto. Appena ho saputo della sua diagnosi, ho consultato il mio MC il quale mi ha prescritto Zitromax 2 cpr in unica somministrazione. Ho effettuato anch'io il test batteriologico vaginale dal quale è risultato Streptococco gruppo B, ma purtroppo la ricerca per il gonococco non è stata effettuata (il laboratorio non era attrezzato, così mi è stato detto).
So anche che esiste la faringite gonococcica e dunque anche se non avessi l'infezione vaginale, potrei avere quella faringea.
Vorrei sapere se è il caso di effettuare la terapia con Rocefin o di rifare il batteriologico e poi decidere cosa fare.
Grazie per l'attenzione.


Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
a parte la necessità di effettuare la diagnostica colturale (lo striscio non è utile nelle infezioni faringee) che arriva tranquillamente al 90% di positività nelle infezioni , anche faringee, prima del trattamento,lei mi sembra che sia già stata trattata, anche se con un macrolide.
A questo punto io personalmente, vedo o la strada diagnostica non colturale o meglio, trattare adeguatamente con tetracicline o altri attivi per avere una sicurezza eradicativa.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2004
Grazie Dott. Griselli per la risposta,
Rocefin non è tetraciclina quindi Lei ritiene che sia troppo forte e inadatto per il mio caso? Mi potrebbe dire il nome commerciale del farmaco per favore?

[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Rocefin essendo cefalosporina di terza generazione va di regola bene.
Non possiamo fare nomi commerciali nè tantomeno possiamo trattare nello specifico il caso , privi della visita reale; deve rivolgersi al medico curante che è deputato alla cura "non virtuale", che poi è quella che conta.
Antibiotici attivi sul gonococco sono potenzialmente tanti, ma la scelta va ponderata.
Cordialità