Utente 106XXX
BUONGIORNO,
HO 58 ANNI, SVOLGO SPORT COME BICICLETTA, BALLO E NON RISCONTRO PROBLEMI DI NESSUN GENERE. DA DUE ANNI FREQUENTO LA PISCINA 2 VOLTE ALLA SETTIMANA. SOLO DA POCHI MESI HO PROBLEMI DI TOSSE SECCA E DIFFICOLTA' RESPIRATORIE CHE SPARISCONO DOPO 2 O 3 GIORNI. COME POSSO RISOLVERE IL PROBLEMA NN VOLENDO RINUNCIARE AL MIO SPORT PREFERITO? IL PROBLEMA NON DIPENDE NON DIPENDE DAI TECNICI CHE GESTISCONO L'ACQUA PERCHE' CAMBIANDO CENTRO SPORTIVO LA SITUAZIONE NN E' CAMBIATA. INOLTRE QUANDO FREQUENTO NEL PERIODO ESTIVO PISCINE ALL'APERTO IL PROBLEMA SCOMPARE.COME MAI?
IN ATTESA DI RISPOSTA VI PORGO CORDIALI SALUTI.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
l'acqua delle piscine estive e' clorata tanto quanto, solo che il cloro libero che si sviluppa evolve nell'atmosfera e non viene percepito dalle narici, mentre al coperto l'odore tipo candeggina e' notevole.

Tolta la suggestione, viene da pensare a una iperreattivita' bronchiale su base chimica.

A riprova, lasci in bagno un secchio di acqua calda con aggiunto dell'ipoclorito, in modo da saturare l'atmosfera; poi vada a fare la doccia e si trattenga una mezz'oretta nell'ambiente e veda se questo riproduce la tosse.

In caso affermativo si deve pensare a un problema su base irritativa. la faccenda in via breve viene risolta prescrivendo l'astensione dalle piscine chiuse, in via scrupolosa si fa una lastra al torace per accertare che la sopravvenuta ipersensibilita' bronchiale non sia accentuata da cause interne al polmone.