Utente 107XXX
Salve,
ho 30 anni e da qualche mese ho riscontrato alcuni problemi generali riguardanti la mia attività sessuale.
I primi sintomi sono stati, apparentemente, quelli di arrossamenti, bruciori, forti pruriti. In seguito ho avuto spellamenti sul prepuzio e screpolature alla base del pene (solamente in una piccola zona). Ho notato delle macchie molto chiare sulla pelle come se si fosse rigenerata dopo una cicatrizzazione. Inizialmente ho pensato a un unico fattore: le lampade solari integrali. Tuttavia dall’ultima seduta, prima del problema, erano passati circa 15 giorni. Dopo ho applicato Balanil Gel consigliato dal farmacista, dopodiché il Canesten (consigliato da me stesso ). Il problema sembrava quasi risolto. Pensando anche a un’ipotetica allergia, ho usato saponi adeguati all’igiene intima. Ora non ho più bruciore e prurito, e neppure arrossamenti estesi, tuttavia perdura un leggero arrossamento al prepuzio come fosse una cicatrice “fresca”, con una leggera spellatura. Premetto che non ho alcuna complicazione a far scorrere la pelle sul glande sia in erezione sia a riposo. La mia compagna ha eseguito regolari controlli ginecologici e non presenta sintomi di nessun genere.
Conseguentemente a tutto ciò, ho cominciato ad avere una lieve sensazione d’insensibilità su tutto il corpo del pene (tranne glande e frenulo), e quindi anche una disfunzione erettile. Non so se è il caso di definirla disfunzione erettile, ma in sostanza non ho più l’erezione che avevo e soprattutto, la durata - dopo l’eiaculazione - è inferiore alla mia norma. Durante l’eiaculazione quindi avverto una sensazione molto strana: a volte ho piacere e altre no, pur eiaculando (la sensazione è la stessa di quando ci si distrae dall’atto sessuale ). Nella masturbazione il fenomeno è simile: l’eiaculazione sembra ostruita (spero non si tratti di eiaculazione retrograda), poiché la fuoriuscita dello sperma non avviene in modo completo, avvertendo un fastidio interno all’uretra (a volte questo succede anche durante i rapporti).
Il fastidio/lieve bruciore persiste qualche ora di sotto i testicoli nella parte inferiore allo scroto e solo esclusivamente nella parte mia sinistra. Quando urino, sembra tutto nella norma.
Ora, ho letto molti argomenti riguardo infezioni, problemi all’apparato, diabete, stress, problemi al midollo, problemi psicologici, ecc., tuttavia, queste informazioni, hanno generato, nella mia mente, solamente confusione.
Ringrazio per la cortese attenzione dedicata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,non vedrei rapporti diretti tra le manifestazioni cutanee a carico del pene ed il disagio sessuale riferito.Probabilmente é in atto uno stato flogistico/infiammatorio delle ghiandole preposte alla produzione del liquido seminale (prostata e vescicole seminali).Non ci dice nulla circa le Sue abitudini di vita (fumo,alcol,attività sportiva,metodo anticoncezionale seguito etc.) ma,ritengo che convenga con me che sia giunta l'ora di tesaurizzare tutte le informazioni acquisite e rivolgersi ad un esperto andrologo che possa mettere ordine e porre una rigorosa diagnosi andrologica che eviti rischiosi,inutili ed improduttivi faidate.Ci aggiorni in merito,se ritiene. Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dr. Izzo,
in merito alle mie abitudini di vita Le comunico che non fumo, faccio uso di alcol ma credo nei limiti e ultimamente, da qualche mese, ho smesso l'attività sportiva(nuoto, fitness, bike - 2ore a sett.). Per quanto riguarda i metodi anticoncezionali, a volte faccio uso del preservativo, ma non è un abitudine. A volte ho creduto che la pratica del coito interrotto abbia provocato residui di sperma e quindi, col passar del tempo, ostruzioni.
Ad ogni modo provvederò alla visita come da Suo consiglio.
Grazie.