Utente 809XXX
Mio marito è stato operato per un varicocele sinistro nel dicembre 2005. A tre mesi dall'intervento ha fatto un ecocolordoppler dal qual è risultata una "buona correzione del varicocele sinistro". Ovviamente dovrebbe fare anche uno spermiogramma, ma purtroppo non riesce a fare la raccolta del liquido seminale. Già due volte ha preso appuntamento per fare l'esame, ma in tutti e due i casi è stato preso da un attacco d'ansia (il cuore gli batte fortissimo e si mette a tremare) e non è riuscito ad avere un'erezione. La stessa cosa era successa nei due tentativi di inseminazione intrauterina, uno prima dell'intervento e uno dopo, sia tentando di fare la raccolta in ospedale che, le volte successive, a casa. Questo è successo solo in queste occasioni, mentre per il resto non ha problemi nei rapporti sessuali. Cosa possiamo fare? C'è un altro modo almeno per sapere come è andato l'intervento? Volevo inoltre porvi un'altra domanda. L'eiaculazione precoce influisce sulla probabilità di fecondazione?
[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
cara lettrice,

il caso di suo marito non è "isolato". Molti maschi non riescono ad eiaculare "a comando".
Volendo potreste provare ad avere a casa, una stimolazione manuale del pene fino ad avere la eiaculazione, raccogliendo il liquido emesso e portandolo al laboratorio.
Magari non saranno rispettati tutti i "canoni" della raccolta del liquido seminale ma almeno potreste valutare la vostra situazione e decidere i passi successivi.
[#2] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile utente,
aggiungo a quanto le ha scritto il collega che l'eiaculazione se avviene all'interno della vagina. non è causa di infertilità anzi.....
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
la raccolta del liquido seminale può essere effettuata al proprio domicilio, purchè vengano rispettate alcune procedure abbastanza semplici, sia nella raccolta che nella conservazione e trasporto del liquido.
In pratica: idoneo periodo di astinenza (3-5 giorni), idoneo contenitore, accurata igiene dei genitali esterni, completa raccolta dell'eiaculato (avvertendo il personale addetto al ricevimento del campione in caso contrario), consegna entro un'ora dall'emissione, evitando sbalzi termici e traumi vibratori nel trasporto.
Abbastanza fattibile direi.
Affettuosi auguri e tutta la mia comprensione a Suo marito :o)
Cordialissimi saluti ad entrambi.
Prof. Giovanni MARTINO