Utente 108XXX
Salve volevo conoscere il trattamento circa da eseguire per aneurisma e quali rischi possono esserci durante l operazione chirurgica tradizionale, riguardante mio padre con età 64 anni e peso poco più di 100 kg con aneurisma dell'aorta addominale sottorenale di circa 5.2 cm e lunghezza 6.5 cm , con evidenza di ottile apposizione tromboica parietale semilunare antero laterale nistra, detta dilatazione aneurismatica termina a circa 0.8 cm dalla biforcazione dell'aorta addominale. Nel referto ancora: minuta area di "vetro smerigliato" a carico del segmento posteriore basale del lobo inferiore destro del parechima polmonare; minuta formazione cistica a carico del II segmento epatico; no alterazioni pancreas e milza; reni regolari per morfologia e volume, con presenza di diverse formazioni cistiche bilaterali 3x3 a carico del terzo medio-inferiore del rene destro; Inoltre pressione arteriosa: valori medi nelle 24 ore 131/81 mmHg, ritmo sinusale con FC di 67 bpm. può con questi parametri affrontare un intervento chirurgico o consiglia quello endovascolare? mi può consigliare un centro specializzato? grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Marco Sammarco
24% attività
0% attualità
0% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Esistono oggi due tecniche per affrontare un aneurimsa dell'aorta addominale sottorenale, una classica e chirurgica che presuppone un intervento piuttosto impegnativo e che non puo presciondere da uno studio coronarografico ed un altro metodo interventistico e e percutaneo che consiste nel rilascio di una endoprotesi all'interno del lume aneurismatico.
Avendo ormai una vasta e pluriennale esperienza di questo tipo di interventi posso dirle già da ora che questa seconda tecncia richiede pochi giorni di degenza ha pero delle limitazioni tecniche che consistono nella distanza della lesione aneurismatica dalle arterie renali e dei vasi femorali e iliaci non particolarmente tortuosi.
Detto questo la prima valutazioe da fare dopo la TC è un esame angiografico dell'aorta e degli arti inferiori e in quel contesto anche un esame coronarografico, nonchè un ecocolordopler dei tronchi sopraortici. Soltanto dopo questi approfondimenti diagnostici potremo dire quale delle due tecniche sia piu indicata nel suo caso, Restando comunque fermo il concetto che un aneurisma di queste dimensioni deve essere trattato e che nel frattempo si deve eseguire una terapia antipertensiva per permetta ai valori pressori di attestarsi sui 120-130 mm/Hg di pressione sistolica.
Resto a sua disposizioneper qualunque ulteriore quesito voglia porre
[#2] dopo  
Dr. Raffaele Prudenzano
44% attività
8% attualità
20% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Utente, dovendo eseguire esami contrastografici con mdc iodato idroslubile:Coronarografia (50-150 cc),aortografia intraoperatoria (100-200 cc) , TC pre (e post-impianto forse) ( 150-300 cc),bisogna valutare molto bene la funzionalità renale preliminare.
[#3] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Quali possono essere i rischi dell'operazione? la percentuale di mortalità e dunque la casistica? mio padre può affrontare l'operazione chirurgica tradizionale? aggiungendo che circa un anno fa ha terminato la radioterapia per prostata risolta con successo..
[#4] dopo  
Prof. Marco Sammarco
24% attività
0% attualità
0% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
non essendo a conoscenza della condizione dello stato delle coronarie di suo padre non possiamo dire se puo, non puo, e con che rischi puo affrontare un intervento tradizionale cosi detto a cielo aperto.

Le sole che posso dirle sono allo stato attuale:

1 evitare l'apertura dell'addome in un paziente neoplastico è una ottima cosa

2 l'intervento per via percutanea ha certamente meno rischi, in mani esperte, di un intervento tradizionale
[#5] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
il tumore alla prostata localizzato è stato risolto con successo. Per quanto riguarda lo stato delle coronarie quale dato le serve per fare una più accurata visione a giorni dovrà affrontrae l'intervento.
[#6] dopo  
Prof. Marco Sammarco
24% attività
0% attualità
0% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
gentile utente

la mia esperienza professionale non mi ha mai permesso di portare al tavolo chirurgico un paziente con aneurisma aortico in elezione senza aver effettuato prima uma coronarografia.
Un evento cardiaco nel peri - post operatorio ha una altissima incidenza di mortalità.
Sarei anche curioso di sapere per quale motivo è stata esclusa una correzione percutanea.
[#7] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Salve, credo che l'analisi coronaria venga fatta nel momento di ricovero in ospedale prima dell'operazione, non so, andrebbe bene un elettrocardiogramma? E' stata esclusa la correzione percutanea perchè non si conoscono gli effetti a lungo termine e quella toracica sembra essere deinitiva.
[#8] dopo  
Prof. Marco Sammarco
24% attività
0% attualità
0% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
ma è un aneurisima dell'aorta sottorenale o un aneurisma toraco addominale?
[#9] dopo  
Dr. Raffaele Prudenzano
44% attività
8% attualità
20% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Le linee guida internazionali ancora controindicano il trattamento endovascolare a pazienti con età=< a 65 anni e in buone condizioni generali. Per quanto riguarda il calcolo del rischio cardiovascolare basta una buona visita cardiologica con ecocardio e test provocativo.Devono essere eseguiti tutti gli esami preliminari a qualsiasi intervento "open" addominale a cui aggiungerei una TC encefalo (questa si).Tali esami preliminari variano lievemente da centro a centro.Mi affiderei qundi a un bravo Chirurgo Vascolare per l'intervento "open".Per quanto rigurda la concomitanza di aneurisma toracico il discorso cambia.
Se i rischi operatori vengono ritentuti alti dall'equipe operatoria (in genere composta dal chirurgo vascolare coadiuvato dal radiologo interventista), solo in quel caso a questa età (64 anni) si opta per l'edoprotesi.
Ci faccia sapere.
[#10] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Si tratta di aneurisma addominale sottorenale. Mio padre nel frattempo fa lunghe passeggiate può questo creare problemi? e con l'arrivo dell'estate e con il caldo?