Utente 109XXX
Gentili Sig.ri Medici,
da diversi anni ho scoperto di essere allergico ad aspirina e Fans, per cui l'unico anti-infiammatorio di cui faccio uso è il cortisone, e come antidolorifico utilizzo paracetamolo, spesso associato a codeina. Pochi giorni fà mi sono recato in un centro specializzato per le allergie, e mi hanno proposto la somministrazione sotto osservazione di due tipi diversi di Fans. Ritenete che questa sperimentazione possa essere una scelta saggia? Ho già avuto reazioni gravi...oltre a edema linguale e reazioni cutanee, gonfiori estesi al volto e soprattutto agli occhi, dolori al torace e difficoltà respiratorie, shock anafilattico grave. Vivo in silente compagnia di adrenalina autoiniettabile, antistaminico e cortisone... Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione che vorrete prestarmi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Paziente,
Dare un giudizio sulla proposta dei colleghi, senza avere a disposizione tutti i dati che, durante la visita, ha potuto fornire loro, è praticamente impossibile.
Gli unici dati certi che abbiamo sono:
1) Lei attualmente si priva di una importante classe di farmaci che rappresenta una valida alternativa ai cortisonici, soprattutto in termini di minori effetti collaterali; nel corso della vita il fabbisogno di farmaci tende inevitabilmente a crescere e maggiori sono le scelte terapeutiche maggiori sono le probabilità di trovare il farmaco più appropriato alla condizione clinica e gravato da minori effetti collaterali;
2) Allo stato attuale, la scienza medica non ha a disposizione test attendibili quanto il test di provocazione che le è stato proposto. Tale test è l'unico che le possa dare la certezza di tollerare tali farmaci alla riassunzione;
3) La scrupolosa conoscenza di tutti i farmaci che le hanno dato reazioni avverse e le caratteristiche cliniche di queste ultime guiderà i colleghi nel scegliere i farmaci gravati dalle minori probabilità di ripresentazione delle reazioni stesse.
Fatte queste premesse, non vedo perchè non fidarsi della professionalità dei colleghi.
Cordiali saluti,