Utente 109XXX
salve sono un ragazzo di 23 anni che il 19 aprile del 2008, sono stato operato a napoli ad una fistola nata 5 anni prima.
il tipo di intervento che mi e stato effettuato, e quello dell' asportazione con sutura completa della ferita, nel immediato post-um operatorio si e formato del pus all'interno della ferita che mi venne estratto tramite il distacco del'ultimo punto di sutura inferiore e tramite pressione della stessa ferita.
ormai passati 12 mesi e dopo ripetute medicazioni tramite irrigazione ed infiltrazioni di betadine e acqua ossigenata la fierita presenta ancora un apertura nel lato basso cn la seguente fuoriuscita di liquidi e pus.
la parte suturata superiore pur risultando rimarginata, talvolta si aprono dei forellini dalla quale fuoriesce del pus.
a questo proposito siamo stati a consulto di un nuovo chirurgo la quale mi ha illustrato la sua tecnica di doppia cucitura con drenaggio da togliere solo quando non c'é più fuoriuscita di liquidi e che i punti della ferita verranno tolti almeno dopo 15 giorni dall'operazione.
oggi non sono molto fiducioso in quel che mi si dice visto che il primo intervento mi e stato detto che il problema sarebbe risolto in 15 giorni.
spero di avere delle delucidazioni sul mio caso.
e se possibile quanti e quali tecmiche esistono per questo intervento.

vi ringrazio anticipatamente speranzoso di vostre risposte..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr.ssa Maria Morena Morelli
28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
una risposta adeguata la si può fornire soltanto dopo visione diretta della 'ferita'.
Comunque, se trattasi di cisti sacro coccigea con persistenza di infezione ("..la parte suturata superiore pur risultando rimarginata, talvolta si aprono dei forellini dalla quale fuoriesce del pus.."),ritengo che sia controproducente 'ri-suturare' la ferita ma sia indicata una guarigione per seconda intenzione (ferita aperta con pulizia del cavo ascessuale e medicazioni successive).
I tempi di guarigione sono lunghi (circa 4 o 5 settimane) ma il risultato (con minore rischio di persistenza di cavo ascessuale) è alquanto sicuro.

Dott.ssa M.M.Morelli
[#2] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
la ringrazio per la risposta prendero in cosiderazione la sua ipotesi la ringrazio.