Utente 111XXX
Ringraziando anticipatamente per la cortesia e per la grande utilità di questo sito, espongo il mio problema: ho 27 anni e da sempre soffro di una grande ipersensibilità (permettetemi, "dolore") al glande. Credo di soffrire un pò anche di fimosi in quanto solo manualmente riesco a scoprire il glande e la pelle sovrastante sembra incollata. Il vero problmea consiste, una vlta manualente scoperto il glande, nel provare grande dolore solo al peniero di aver un rapporto orale, o strofinarlo o lascirlo scoperto nei boxer. Ho letto molti articoli, ho fatto un visita specialistica ma, a parte qualche sapone e crema che, tra l'altro, non riesco a mettere e spalmare sul glande causa il grande dolore, non riesco a capire cosa effettivamente ho e come si cura. Premesso di non avere mai scoperto (se non manualmente per capirne il motivo) il glande nella mia vita è normale questo grande dolore? e se si, come si cura? nei rapporti sessuali non ho grandi problemi in quanto eseguo la penetrazione con glande coperto e poi durante l'atto non ho problemi, il fastidio sorge quando devo "sfilare" il pene dalla mia partner. Sperando di essere stato chiaro, vi ringrazio di cuore e attendo una risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
una ipersensibilità del glande deriva o da fenomeni infiammatori locali di varia natura o da fenomeni psicologici. Provi a sentire un' altra campanache di qua non riesco ad essere più preciso.
[#2] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dottore.
Secondo lei quale specialista si addice di più al mio problema? Andrologo, urologo o dermatologo? grazie molte
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

il primo specialista da consultare in questi casi è sempre l'andrologo .

Sarà lui che, valutata attentamente la sua situazione clinica complessiva, le darà poi tutte le indicazioni diagnostiche e terapeutiche mirate e potrà eventualmente chiedere anche la consulenza di un diverso specialista.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

In complementarietà alle asserzioni dei Colleghi che mi hanno preceduto, potrebbe trovare utile la lettura del personale articolo sul tema della ipersensibilità del glande, presente all'indirizzo

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=53686

carissimi saluti e ci tenga pure aggiornati se vorrà.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

siamo curiosi e, se lo desidera, ci tenga comunque informati sugli eventuali e futuri sviluppi del suo problema clinico.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#6] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Appunto.
[#7] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
Grazie molte per i vostri consigli.
Cercherò a breve di reperire un bravo specialista e vi aggiornerò sulla situazione.
PS: un ulteriore cosa che ho notato è un lieve bruciore a fare pipi, può essere anche un pò di candida? Se si come si avverte e come si cura? (comunque il dolore al glande lo avverto da sempre quindi non credo che l'evenduale presenza di candida detemini totalmente il mio dolore).
Grazie ancora.
[#8] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Lasciu perdere le ipotesi e vada da collega,. che prima che una candidosi coinvolga l' uretra ce ne vuole.,
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

lei stesso ha capito in parte che le sue autodiagnosi sono discutibili.

Bisogna consultare in diretta un medico in "carne ed ossa".

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com